INFO MEDIA NEWS
Cultura NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

L’Orso Bruno Marsicano protagonista di un concorso targato WWF

50 i disegni scelti, uno per ogni orso, che saranno pubblicati sul sito dell’Associazione

Il WWF lancia un concorso di disegno dedicato ai più piccoli, in particolare a tutte le scuole dell’infanzia, private e pubbliche, e ai primi due anni della scuola primaria, per diffondere il più possibile la conoscenza dell’Orso Bruno Marsicano.

Cinquanta i disegni che saranno scelti, uno per ogni orso e che verranno pubblicati sul sito del WWF e valorizzati dall’Associazione. Cinquanta come il numero di orsi rimasti sulle montagne dell’Appennino, un numero esiguo per una popolazione preziosa. L’Orso Bruno Marsicano è una sottospecie di orso unica al mondo, che vive solamente in Italia, tra il Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise, il Parco Nazionale della Majella e le aree appenniniche limitrofe.

Sembra, infatti, che la coesistenza millenaria con l’uomo e le sue attività abbia addirittura plasmato il comportamento mansueto di questi orsi, la cui popolazione conta oggi solamente poco più di 50 individui ed è considerata “in pericolo critico” dalla IUCN, l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura, rischiando l’estinzione.

Come fanno sapere dal WWF, l’Orso Marsicano continua a morire a causa dell’uomo: negli ultimi 25 anni il 63% dei decessi è stato determinato direttamente o indirettamente da azioni umane, addirittura il 40% da
bracconaggio.

Gli elaborati scelti saranno quelli ritenuti più belli e che avranno coinvolto l’intera scuola e le famiglie dei bambini. Oltre al disegno è richiesto alle classi delle scuole coinvolte di organizzare una mostra a scuola invitando i genitori.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Torna il profumo dei Frantoi Aperti nella Valle Roveto: non prendete impegni dal 4 al 18 novembre

Redazione IMN

VIDEO. Paterno, è già terza di campionato: domenica nerazzurri attesi a Cupello

Alice Pagliaroli

Tribunali minori: salvi fino al 2020, ora è tutto in mano agli esperti ‘super partes’

Redazione IMN