INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Lo storico Istituto Sacro Cuore di Avezzano non riaprirà

La notizia della chiusura è diventata definitiva. Serpeggia perplessità tra le mamme: "Non ripartirà la classe prima elementare. Respinte tutte le nostre proposte. Perché tutta questa fretta di cacciarci fuori, se non è pronto un altro progetto?".

Sacro Cuore di Avezzano

“Care mamme, abbiamo avuto la notizia definitiva che la scuola non riaprirà e quindi si conferma la chiusura da giugno 2021”, Incomincia così il laconico messaggio che, nella serata di ieri, è stato spedito a tutti i genitori e le famiglie i cui figli frequentano la scuola Sacro Cuore di Avezzano. Una scuola paritaria dal destino deciso e, a quanto pare, incontrovertibile. Però, i genitori non si arrendono, così come il Consiglio di Istituto.

“Quest’anno non ripartirà la prima elementare, e non ci sarà la conclusione dei cicli. Le suore preferiscono chiudere in blocco la scuola. Respinte tutte le nostre proposte compresa quella dell’affitto aule ad altre scuole e la gestione della scuola tramite cooperativa. Niente. Ci hanno solo garantito che durante quest’anno, che sarà l’ultimo, loro ricontatteranno le stesse maestre”, si legge nel testo del messaggio inviato alle mamme e ai papà degli alunni.

“Noi, però, abbiamo chiesto – avvertono le mamme – alla madre provinciale, stando così le cose, se per la scuola vi fosse già un progetto in cantiere per la realizzazione di una RSA, ossia una struttura per anziani, così come si vocifera da qualche tempo, laddove prima c’era la nostra scuola storica. Lei ci ha garantito che, per il momento, non v’è alcun progetto all’orizzonte. Ma allora perché tutta questa fretta di cacciarci fuori dalla struttura?”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

VIDEO. Piccoli campioni made in Avezzano: il 25 aprile il torneo “Amici Biancoverdi”

Alice Pagliaroli

Ivan Di Berardino orgoglio marsicano: a lui i complimenti dalle cariche provinciali dell’Aquila

Redazione IMN

Temporale su Avezzano: chiusi i due sottopassi

Di Bastiano: «Situazione intollerabile, Commissario studi soluzioni idonee»
Redazione IMN