INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica PRIMA PAGINA SLIDE TV

LFoundry, Febbo: «Incontro positivo per i lavoratori»

L'assessore chiede di far luce su alcuni elementi

LFoundry, Febbo: «Incontro positivo per i lavoratori»

L’assessore regionale allo Sviluppo economico Mauro Febbo giudica «positivo per i dipendenti» l’incontro che si è tenuto a Roma tra la proprietà LFoundry e i rappresentanti dei lavoratori sul futuro produttivo dello stabilimento marsicano. «È necessario però – ha aggiunto Febbo – entrare nel dettaglio per capire bene la tipologia degli investimenti e i nuovi 43 prodotti che si andranno a realizzare, anche se possiamo dirci soddisfatti della notizia sulla fine dei contratti di solidarietà. La Regione attiverà le misure di sua competenza ma al contempo la Wuxi, start – up cinese che ha acquisito a luglio scorso il 100% delle quote del sito avezzanese, deve chiarire quali sono le sue reali intenzioni d’investimento per l’azienda marsicana».

Quello di Roma è stato solo il primo appuntamento nella sede del ministero dello Sviluppo economico tra azienda e sindacati: «in futuro – ha aggiunto l’assessore allo Sviluppo economico – si dovranno definire il piano industriale e il business plan per permettere alle parti sociali di capire in che direzione sta andando l’azienda e come intende spendere i 18 milioni di euro di investimenti programmati. Infatti – specifica Febbo – è necessario fare luce su alcuni elementi con la proprietà, come la definizione del settore in cui vengono effettuati gli investimenti, la possibilità di accedere a forme di finanziamento agevolato attraverso i contratti di sviluppo, di ricerca e d’investimento e come l’attivazione di incentivi alla formazione e riqualificazione del personale».

Altre notizie che potrebbero interessarti

Alla Residenza dei Marsi la terapia dell’Empaty Doll per mitigare le ombre dell’Alzheimer, questo il dono del Rotary Club

Redazione IMN

VIDEO. Avezzano presente con la New Volley alle finali provinciali Under 14

Alice Pagliaroli

La Polizia di Stato arresta un cittadino marocchino colpito da custodia cautelare in carcere

Redazione IMN