INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Lezioni in strada per dire “No” alla Dad

Studenti del liceo Scientifico di Avezzano protestano fuori dall'Istituto: "Noi privati di tutti gli aspetti scolastici legati alla socializzazione"

Un gruppo di ragazzi del Liceo Scientifico V. Pollione di Avezzano sono scesi in strada in segno di protesta per dire “No” alla tanto vituperata Didattica a distanza.

Lunedì 8 febbraio, i ragazzi hanno fatto lezione in DAD ma davanti la scuola, ritenendo ingiusta l’ordinanza regionale che ha previsto la chiusura degli istituti.

“Siamo un gruppo del V anno del Liceo Scientifico Pollione di Avezzano e abbiamo voluto esprimere il nostro dissenso nei confronti del nuovo provvedimento che riporta per l’ennesima volta le lezioni da in presenza, seppure al 50%, in DAD”, spiegano i giovani.

“Riteniamo che l’attività scolastica in DAD, anche se necessaria in alcuni casi per contrastare la diffusione del virus, sia eccessivamente penalizzante per gli studenti che, da ormai un anno, sono privati di tutti gli aspetti scolastici legati alla socializzazione; riteniamo inoltre che nonostante l’impegno di docenti e alunni la didattica svolta a distanza sia limitata e limitante, in termini di risultati, soprattutto per le classi quinte che, come noi, dovranno sostenere gli Esami di Stato, al termine di quest’anno scolastico”, sottolineano ancora.

“Abbiamo deciso così di incontrarci fuori la nostra scuola, nella mattina di Lunedì 8 Febbraio, per seguire le lezioni in DAD, ma stare insieme come se fossimo in classe, ovviamente nel rispetto del distanziamento sociale e delle altre disposizioni di prevenzione già adottate all’interno dell’istituto – proseguono -Riteniamo che le scuole non siano meno sicure di tante altre attività ludiche o lavorative che risultano aperte o che si tendono a riaprire, come previsto per le regioni in zona gialla”, concludono.

Pensavamo di ripetere l’iniziativa nei giorni successivi, aumentando la partecipazione degli studenti, ma le pessime condizioni metereologiche previste non hanno consentito di poter seguire le lezioni con PC o telefonini in maniera adeguata, soprattutto a causa della pioggia.

Altre notizie che potrebbero interessarti

‘Santa Barbora’: ‘aperitivando’ ad Alta Quota

Redazione IMN

Università: inaugurata la nuova ‘casa dello studente’ di Pescara

Redazione IMN

L’Aciam finisce su ‘Report’: la TV d’inchiesta si occuperà questa sera del percorso dei rifiuti urbani

Redazione IMN