INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Lega Giovani a Conte: “Tutelare commercio locale”

Il coordinatore regionale della Lega Giovani, Francesco De Santis: "Le tante azioni introdotte dalle amministrazioni locali a tutela del commercio locale non sono purtroppo più sufficienti"

“Oltre 500 giovani amministratori di tutta Italia hanno scritto al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, per chiedere provvedimenti decisi nei confronti dei colossi dell’e-Commerce”.

È quanto scrive in una nota il coordinatore regionale della Lega Giovani, Francesco De Santis.

“Anche gli amministratori under 35 della Lega Giovani Abruzzo hanno sottoscritto la lettera che sottolinea tutte le legittime preoccupazioni di chi vive quotidianamente il territorio ed ascolta il grido di dolore degli ultimi”, ha aggiunto.

“L’Abruzzo è una regione che sta pagando caro il prezzo delle restrizioni dovute al Covid-19, e la crisi sanitaria rischia di tramutarsi in una devastante crisi economica. Mentre i nostri commercianti rischiano di non riaprire più le saracinesche, i giganti del web stanno traendo enorme profitto da questa situazione, incrementando anche del 200% i loro introiti”, ha spiegato.

“In un momento così tragico per la nostra economia, che rischia di peggiorare ancora di più con l’avvicinarsi del periodo natalizio, le tante azioni introdotte dalle amministrazioni locali a tutela del commercio locale non sono purtroppo più sufficienti”, si legge ancora nella nota.

“Non potevamo che unirci anche noi alle centinaia di giovani amministratori guidati dall’onorevole Luca Toccalini, – ha concluso De Santis – nel sottoscrivere questa richiesta. Speriamo di non dover vedere, in Abruzzo, nuove luci spegnersi nei locali”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Grande soul ad Avezzano con Lydia Lyon e i Blues Explosion

Il 14 dicembre in concerto al Castello Orsini
Redazione IMN

Celano festeggia per la prima volta la giornata del 1° maggio

Redazione IMN

Prescriveva metadone dietro pagamento, 10 euro a ricetta: medico-chirurgo scoperto dai Carabinieri del Nas

Redazione IMN