INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

L’Aciam fa scuola per e sull’ambiente con la campagna ‘Io non mi rifiuto’

Prosegue a pieno ritmo il ciclo di lezioni, a titolo ‘Io non mi rifiuto’, sulla corretta gestione dei rifiuti e sull’impatto che le buone pratiche, o al contrario le cattive abitudini, hanno sugli ecosistemi. La campagna informativa, che da oltre un decennio l’Aciam Spa – l’azienda consorziale di igiene ambientale marsicana, guidata dalla presidente Lorenza Panei – promuove negli istituti scolastici dei comuni serviti dall’Azienda, è curata da tecnici esperti e vede protagonisti gli alunni delle scuole primarie di primo e secondo grado e degli istituti superiori, con il coinvolgimento di tutto il personale scolastico.

Centrali, nel progetto di comunicazione ambientale, i temi del consumo consapevole, del ciclo di vita dei prodotti, della produzione dei rifiuti, delle attività per il corretto recupero, smaltimento e riciclo dei materiali, della raccolta differenziata come alternativa alla discarica. Le attività didattiche, che si svolgeranno per un totale di 60 ore, prevedono fasi teoriche e pratiche, l’utilizzo di opuscoli informativi, strumenti per la raccolta differenziata, la proiezione di video e slide, nonché verifiche sui contenuti acquisiti.

«È un progetto di ampio respiro che portiamo avanti guardando al futuro – ha spiegato la presidente Lorenza Panei – I risultati si vedono perché oggi, rispetto a quanto osservato durante le prime iniziative promosse, vi è un’attenzione maggiore e anche una migliore conoscenza dei temi legati all’ambiente e all’importanza della corretta gestione dei rifiuti. È un’opera di sensibilizzazione che vede gli alunni molto partecipi e che riteniamo un investimento fondamentale: stimolare la formazione del senso di responsabilità riguardo al consumo e alla gestione dei materiali, e di un corretto approccio ai temi ambientali, significa costruire i tasselli di un solido circuito virtuoso a tutto vantaggio della collettività».

Le lezioni proseguiranno fino a maggio a Lecce nei Marsi, Gioia dei Marsi, Ortucchio, mentre si sono appena concluse a Cagnano Amiterno. Termine degli incontri fissato per maggio anche a Carsoli, Oricola, Pereto, Rocca di Botte, comuni nei quali prosegue la messa a regime del servizio di raccolta porta a porta e dove proprio in questi giorni sono state rimosse le campane stradali per la raccolta del vetro, con il contestuale avvio del servizio di raccolta a domicilio anche per la frazione vetro e metallo. Al termine del ciclo di lezioni, gli alunni visiteranno gli impianti di smaltimento e di compostaggio gestiti dall’Aciam, per assistere alle varie fasi del trattamento e recupero dei diversi materiali.

 

 

Altre notizie che potrebbero interessarti

Turismo sostenibile in Abruzzo: Transiberiana d’Italia fra i migliori esempi

Redazione IMN

GdF: sequestrati 2500 euro falsi

In arresto pluripregiudicato napoletano arrivato nel capoluogo adriatico d'Abruzzo.
Redazione IMN

Italia “blindata”, situazione a: Luco dei Marsi, Castel di Sangro, Rocca di Mezzo

Il nuovo Dpcm impone la chiusura di tutte le attività ad esclusione di negozi che vendono beni di ...
Redazione IMN