INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

L’Abruzzo si illumina per le vittime del sisma del 2009

Anci Abruzzo ha accolto la proposta del sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi, di accendere un simbolo luminoso per la commemorazione delle 309 vittime del terremoto 2009. «Il ricordo della tragedia abruzzese abbraccerà l’intera Italia».

L’Abruzzo si illumina per le vittime del sisma del 2009

Tra il 5 e il 6 aprile l’Abruzzo commemorerà le vittime del sisma del 2009, accendendo un simbolo luminoso in ogni Comune.

È stata accolta la proposta del primo cittadino Biondi dal Presidente di Anci Abruzzo, Gianguido D’Alberto, di invitare tutti i colleghi sindaci d’Abruzzo, e per il loro tramite tutta la popolazione abruzzese, a partecipare alla giornata del ricordo del terremoto dell’Aquila con l’accensione la sera del 5 aprile di un simbolo luminoso.

Il sindaco in una nota inviata al presidente dell’ANCI: «Tra il 5 e il 6 aprile la città dell’Aquila commemora l’undicesimo anniversario del terremoto del 2009 e rende omaggio alle 309 vittime che hanno perso la vita in quella drammatica notte. La dolorosa coincidenza con l’emergenza sanitaria in corso, ci ha indotto a immaginare una commemorazione ampia, un congiungimento ideale con il resto del Paese che piange quotidianamente le persone morte in solitudine: per questa ragione, il ricordo della tragedia abruzzese abbraccerà l’intera Italia.

Con i Comitati dei familiari delle vittime abbiamo lanciato un appello a tutto il Paese: ciascuno illumini le proprie finestre e i propri balconi, con la luce del cellulare o una candela, nella notte tra il 5 e il 6 aprile».

Altre notizie che potrebbero interessarti

Avezzano chiamato alla conferma: al Dei Marsi arriva la sorpresa Montegiorgio

I biancoverdi a caccia di conferme contro la terza forza del campionato
Redazione IMN

Ad Aielli un murales per raccontare il lockdown

Il sindaco Di Natale: "Proviamo a creare un percorso esperienziale attraverso l'arte"
Redazione IMN

Omaggio a Gino Fosca, a Trasacco il prossimo Consiglio Provinciale

Redazione IMN