INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

La sorella del domenicano chiede scusa all’Arma dei Carabinieri

L'incontro, riservato, è avvenuto questa mattina, verso le 9.

Un incontro di quelli che non si dimenticheranno facilmente e che potrebbe far scuola, nella storia della città di Avezzano. L’aggressione dell’appuntato, Vito La Mendola, avvenuta il 18 giugno scorso, ha suscitato moti di rabbia, di vendetta, di preoccupazione e di vicinanza alle Forze dell’Ordine. Stamattina, la sorella del domenicano, accusato dell’aggressione arrestato ed ora rinchiuso nel carcere di Vasto, si è recata alla caserma dei Carabinieri di Avezzano ed ha conferito con il Capitano, Pietro Fiano, scusandosi per quanto accaduto.

Il carabiniere, colpito al volto, è stato operato, all’Ospedale dell’Aquila, dov’è ricoverato al Reparto Chirurgia Maxillo-Facciale. La prognosi è ancora riservata.

In un incontro riservato, la donna, di 54 anni, si è scusata con il Capitano, accompagnata dalla nipote. L’incontro è avvenuto nella piena e totale riservatezza.

La donna si è scusata con l’Arma dei Carabinieri per il comportamento assunto dal fratello e si è dissociata completamente da quella condotta. Il gesto, dai militari di Avezzano, è stato molto gradito ed apprezzato.

Altre notizie che potrebbero interessarti

POR FESR, uno sportello ad hoc per le piccole e medie imprese

Confesercenti Abruzzo dedica uno spazio ad hoc per dare informazioni alle imprese riguardo le ...
Redazione IMN

Tutto esaurito per la cena di beneficenza all’Emiciclo

Il ricavato per sostenere i progetti della onlus “L’Aquila per i più piccoli”
Redazione IMN

Elezioni in Abruzzo: primo banco di prova dopo le prove di Governo giallo-verde

Maurizio Di Cintio