INFO MEDIA NEWS
NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV Sport

La Notaresco-Termoli nel segno di Bitossi

'Cuore matto' vinse nel 1961 a Termoli ad appena 18 anni

Una vita costellata di successi che è cominciata proprio da Termoli (sede di arrivo della tappa odierna del Giro con partenza da Notaresco), nell’ottobre del 1961: «Era una semitappa della Tre Giorni del Sud, la mia prima vittoria la ricordo come fosse oggi». A Termoli Franco Bitossi vinse uno sprint regale, dominando i rivali all’ombra del Castello Svevo proprio come un sovrano medievale. E come Federico II di Svevia, che fu incoronato imperatore a 18 anni, Bitossi vinse subito, alla terza gara tra i professionisti, ma il suo non fu un immediato decollo: prima c’era un compagno tanto intimo quanto inaffidabile con cui fare i conti.

Il cuore matto lo accompagnava da sempre: dagli anni in cui ogni mattina attraversava l’Arno in barca per andare in fabbrica sino alle prime vittorie tra i dilettanti, dove le squadre chiudevano un occhio davanti all’anomalia. Bitossi soffriva di ipertrofia cardiaca e poteva capitare che in corsa il vitale muscolo si mettesse a battere come un tamburo: l’unica soluzione era fermarsi ed aspettare. Furono necessarie un paio di stagioni per capire che durante le corse a tappe il problema spariva in pochi giorni. Per questo dovette attendere sino al ’64, due anni e mezzo dopo il primo trionfo a Termoli, per esultare al Giro d’Italia e da lì non fermarsi più. Furono subito quattro tappe, tra cui la riedizione della Cuneo-Pinerolo, vinta alla Bitossi: alternando crisi profonde e rimonte sorprendenti. Bitossi era così, un continuo su e giù, come un elettrocardiogramma.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Lettera alla città, parla l’ex sindaco Di Pangrazio: “Ecco cosa deve fare la Politica”

Una lettera per Avezzano. Giovanni Di Pangrazio, ex sindaco, prende parola di fronte all'emergenza ...
Redazione IMN

Avezzano Rugby: in Calabria per difendere il primato

Redazione IMN

Terremoto: violenta scossa fa tremare l’India

Secondo l'Istituto americano di geofisica, il sisma ha avuto una profondità di 29 chilometri
Redazione IMN