INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

La LF System Italia lancia la nuova linea di porte per Amatrice: 1000 pezzi per un paese da ricostruire

Beneficenza e sicurezza bussano alle porte di una terra ancora scossa, grazie all’iniziativa firmata LF System Italia. L’azienda avezzanese, celebre per aver lanciato sul mercato il dispositivo anti-incastro Quake-saver, che evita il blocco di porte ed infissi in caso di scosse sismiche, torna a far parlare di sé e lo fa ideando una nuova linea di porte, a tiratura limitata, dedicata ad Amatrice.

Una carezza di sicurezza a sfiorare cuori ancora agitati, sotto forma di numerose porte che, presto, saranno donate a varie strutture pubbliche del paese laziale. «Saranno circa mille i pezzi della serie di porte che la LF System Italia lancerà sul mercato per Amatrice», spiega Luca Fallaolita, presidente della start up marsicana. «Parte del ricavato della vendita della linea verrà devoluto in beneficenza ad Amatrice, paese distrutto dal sisma dello scorso 24 agosto 2016».

21363570_10203949524415954_206432968_o(1)Un’incisione realizzata sulla porta, rappresentante la linea del rilevamento sismico, unita alla parola di Amatrice, sarà il marchio distintivo della nuova linea di porte anti-incastro. «Nei prossimi giorni incontrerò il primo cittadino Sergio Pirozzi – continua Luca Fallaolita – per formalizzare il patto già concordato. Doneremo un numero considerevole di porte a tutta la comunità, prima di destinare, poi, parte delle risorse ricavate dalla vendita delle medesime al paese». Quando la sicurezza cammina sulla stessa strada dei gesti generosi e disinteressati, ricominciare da zero è meno faticoso, purché la nuova Amatrice abbia centinaia di porte solide. (k.s.)

 

Foto di: corriere.it

Altre notizie che potrebbero interessarti

Torna la neve in Abruzzo

Brusco calo delle temperature, accompagnato da venti gelidi e piogge
Redazione IMN

La Polizia arresta giovane spacciatore marocchino al casello autostradale di L’Aquila Ovest

Redazione IMN

Sanità, ieri l’incontro in Regione sul fascicolo sanitario

Redazione IMN