INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

“La casa di carta” sul carro di Trasacco per il Carnevale Marsicano

Dopo 18 anni di assenza un gruppo di giovani riporta l’anima del carnevale del comune marsicano

Dopo 18 anni torna l’anima del carnevale di Trasacco. Un gruppo di giovani a capo del progetto che riporterà la cittadina marsicana tra i protagonisti del Carnevale Marsicano di Luco dei Marsi con un proprio carro allegorico.

Si inizia già a pensare ai festeggiamenti per il prossimo Carnevale tra coriandoli, feste in maschera e stelle filanti ed in particolare ad una parte importante di questa ricorrenza, ossia ai i carri allegorici formati di cartapesta, coloratissimi e maestosi, veicoli alquanto appariscenti ed enormi agli occhi dei bambini. Trasacco tornerà a partecipare alla nota sfilata di Luco dei Marsi, che lo ha visto l’ultima volta nel lontano 2001. Il presidente del direttivo che conta una quindicina di persone, Luigi Chicarella e il vice presidente Bruno Montanaro, di soli 17 anni, insieme agli altri ragazzi si sono già messi al lavoro per la realizzazione di un carro originale, ispirandosi alla loro serie televisiva preferita, “La casa di carta”.

Il Carnevale Marsicano è un evento che colora le strade di Luco dei Marsi coinvolgendo migliaia di spettatori provenienti dalle più svariate parti, che si recano nel piccolo paese marsicano per assistere alla sfilata dei carri, alle maschere portate in strada e a tutte le iniziative organizzate per la coloratissima giornata. Lo scorso sabato 16 novembre si è tenuto un incontro pubblico per la presentazione della 38esima edizione del Carnevale Marsicano, nella sede della Società Operaia di Mutuo Soccorso di Luco dei Marsi.

Il prossimo sabato 23 novembre a Trasacco i ragazzi incontreranno l’associazione AnimaLuco per definire tutti i dettagli.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Teatro Dei Marsi: Metropolis rivive attraverso ‘I Solisti Lombardi’

Redazione IMN

Terremoto: sono oltre 15mila le persone assistite dalla Protezione Civile

Redazione IMN

Scuole avezzanesi: chi s’arreda e chi si demolisce

Redazione IMN