INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

Incendio a Poggio Filippo, interviene Protezione Civile

Questa mattina il rapidissimo intervento della squadra di Tagliacozzo ha spento i focolai, giunti a soli 350 metri dalla pineta.

Stamattina, dopo una segnalazione telefonica, la squadra della Protezione Civile di Tagliacozzo è intervenuta tempestivamente su un incendio in località Poggio Filippo.

Le fiamme si sono sviluppate all’interno di una proprietà privata e, a causa del vento, stavano arrivando a circa 350 metri dalla vicina pineta, si rischiavano perciò conseguenze assai maggiori. Appena arrivata la chiamata di segnalazione fumo e arrivato il permesso a uscire per verifica da parte della sala operativa regionale, la Squadra Protezione Civile Pronta Partenza Antincendio di Tagliacozzo è arrivata rapidamente e ha proceduto con le operazioni di bonifica. La Squadra ha trovato focolai attivi a 350 metri dalla pineta, che il vento stava velocemente dilagando e si è impegnata a bonificare completamente la zona nell’arco di un’ora.

La Protezione Civile di Tagliacozzo ci tiene a dare ulteriori raccomandazioni al pubblico, specialmente in questo periodo di alte temperature:

“Raccomandiamo massima prudenza, in particolar modo in questo periodo di grande caldo e vento, che aggiunti alla siccità di questi mesi, rendono estremamente favorevole l’insorgere di incendi gravi.

Massima attenzione dunque, a non accendere fuochi nei boschi o a sigarette ed altri possibili rischi.
Inoltre, si prega di chiamare immediatamente il 115 nel caso di avvistamenti di fumo o fiamme, oppure chiamare la Sala Operativa Unificata Permanente (SOUP) al numero verde 800 761016”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Furto al centro commerciale: due donne nei guai

Redazione IMN

Quaglieri e Testa (Fd’I) su strade provinciali Anas

Il gruppo consiliare di Fratelli d'Italia esprime la propria soddisfazione in relazione al ...
Redazione IMN

Altri 2 casi a Trasacco, contagiati salgono a 16

Lo annuncia il primo cittadino, Cesidio Lobene, sui social.
Redazione IMN