INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Incendi: rogo doloso a Castellalto

Interessata un'area di 30 ettari. In azione il Canadair

incendi

Un vasto incendio di bosco e sterpaglie, di probabile origine dolosa, è divampato nella notte a Castellalto (Teramo), dove dalla mezzanotte i vigili del fuoco di Teramo sono impegnati nelle operazioni di spegnimento. L’incendio – riporta l’Ansa Abruzzo – ha interessato un’area di circa trenta ettari tra la frazione di Campogrande e l’abitato di Castellalto e si è reso necessario l’intervento di tre squadre dei vigili del fuoco di Teramo, Nereto e L’Aquila, con tre autopompe, tre fuoristrada con moduli antincendio e tre autobotti inviate sul posto dalla sede centrale di Teramo.

Alle operazioni, che vedono l’impegno anche di un Dos (direttore delle operazione di spegnimento) del comando di Teramo, a cui è affidato il coordinamento di un Canadair dei vigili del fuoco che è giunto alle prime luci del giorno e che sta effettuando i primi lanci nelle aree incendiate meno accessibili per le squadre a terra, sta collaborando anche una squadra di volontari Aib dell’Associazione Gran Sasso di Mosciano Sant’Angelo.

Durante la notte il fronte di fuoco si è pericolosamente avvicinato all’abitato di Castellalto, ma il massiccio schieramento di vigili del fuoco ha impedito che le fiamme potessero raggiungere le abitazioni. Le operazioni di intervento sono tutt’ora in corso e saranno supportate anche dall’elicottero “Orso Bruno” messo a disposizione dalla Regione Abruzzo che sta per giungere sul posto. Sul luogo dell’incendio sono intervenuti anche i Carabinieri Forestali di Castellalto per lo svolgimento delle attività finalizzate all’accertamento di eventuali responsabilità

Altre notizie che potrebbero interessarti

Salvataggio contro il tempo sulle vette del Gran Sasso

Redazione IMN

In Abruzzo supermercati chiusi nei giorni festivi

A Pasqua e Pasquetta aperte solo farmacie ed edicole
Redazione IMN

Uomo trovato senza vita nella sua abitazione ad Avezzano

Sul posto i carabinieri della Compagnia della città. Si tratta di un 70enne.
Gioia Chiostri