INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

Incendi dolosi a Celano: acquisiti filmati di sorveglianza

Indagini a tutto campo da parte dei Carabinieri di Avezzano, guidati dal Capitano Strianese. Saranno visionati i filmati di alcune telecamere di videosorveglianza. Purtroppo, laddove erano parcheggiate le due auto fatte andare a fuoco, non ci sono telecamere.

Due incendi dolosi, due atti intimidatori nei confronti di due imprenditori del luogo, Celano, soci entrambi della stessa azienda.

Le due macchine, che appartengono alle due persone evidentemente prese di mira da qualcuno, sono state fatte esplodere nottetempo, tra il 4 e il 5 gennaio scorsi. Sono stati posti dagli autori – ancora non indentificati – due ordigni rudimentali, proprio sotto il motore e le due auto sono saltate in aria. Le due macchine, un’Audi e una Mercedes, erano parcheggiate ad una distanza di 300 metri l’una dall’altra. La pista che per ora si sta battendo è quella disegnata dai filmati di videosorveglianza che sono stati reperiti dalle Forze dell’Ordine. I carabinieri della Compagnia di Avezzano e della locale stazione visioneranno le immagini per capire se a quella tarda ora notturna, con il coprifuoco tra l’altro in vigore, qualcuno possa essere passato per quelle strade. Gli inquirenti, di fatti, escludono che gli autori dei due atti intimidatori si siano spostanti in auto, proprio per i vincoli legati alla normativa anti-Covid e, quindi, per non dare nell’occhio.

I due imprenditori vittime dell’incendio doloso sono stati ascoltati dai militari al momento della loro denuncia. Hanno asserito, comunque, in quell’occasione, di non avere sospetti verso qualcuno e di non aver mai ricevuto minacce.

La prima esplosione è avvenuta in via Giuseppe del Pezzo, la seconda in via del Sagittario. Purtroppo, proprio in prossimità delle abitazioni dei due – poiché le auto sono state fatte esplodere sotto casa dei proprietari – non ci sono telecamere di videosorveglianza. Quindi, la speranza è che le telecamere, invece, posizionate lungo le vie adiacenti e limitrofe possano aver ripreso qualche movimento sospetto.

I due imprenditori lavorano entrambi per la stessa ditta, punto di riferimento per attività di costruzione o ristrutturazione edile, che ha sede presso l’uscita autostradale Aielli/Celano.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Nuovo ospedale, De Angelis stringe i tempi: lunedì vertice con la Asl

Redazione IMN

ASL1: via al nuovo CCNL dell’area sanità

Prima in Abruzzo a dare applicazione al nuovo contratto collettivo nazionale di lavoro della ...
Redazione IMN

#PrimaDaDerby: Fucense e San Benedetto si annullano

Sconfitta per il Tagliacozzo, Villa torna in vetta
Redazione IMN