INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

In Provincia nasce la combinata Alfonsi+Giovagnorio, ma c’è chi dice No

Fratelli d'Italia e PD si abbinano in Provincia, "per riportare la Marsica ai marsicani". Il Pd provinciale, però, non ci sta e bacchetta: "No a logiche personali e di gruppi trasversali".

In Consiglio provinciale, a L’Aquila, nasce il Gruppo Marsica in Provincia ed è già polemica. Il Gruppo consiliare è formato dal Consigliere Comunale di Tagliacozzo Roberto Giovagnorio e dal consigliere di Gioia dei Marsi, nonché veterano tra gli eletti in Provincia dell’Aquila, Gianluca Alfonsi. Centro-sinistra + centro-destra, quindi, come, tra l’altro, era stato già quasi profeticamente enunciato dallo stesso Giovagnorio in una nostra intervista qualche tempo fa.

“Marsica in Provincia” abbina e combina due espressioni territoriali di due partiti diversi, quali quelli di Fratelli d’Italia (di cui Alfonsi è capogruppo in Provincia) e Roberto Giovagnorio, rappresentante dem sempre in Provincia. La decisione, come ampiamente chiarito nel corso della seduta di insediamento e convalida degli eletti, maturata in prima battuta dall’assessore di Tagliacozzo Roberto Giovagnorio, scaturisce “dalla necessità di rappresentare il territorio della Marsica in seno al Consiglio della Provincia che, senza l’apporto della città di Avezzano, non ha potuto esprimere ulteriori delegati. La scelta – dichiara Roberto Giovagnorio – è il frutto di un’azione concordata con le esigenze degli amministratori locali per la difesa e tutela delle comunità Marsicane e pienamente condivisa con il collega Gianluca Alfonsi“.

Non è tardata ad arrivare la risposta del PD alla squadra senza colori politici in Provincia dell’Aquila, generata dagli unici due consiglieri provinciali con origine marsicana. “Siamo all’opposizione di trasformismo e ambiguità – afferma Piacente in una nota stampa – Alle elezioni provinciali, il partito democratico ha sostenuto il progetto politico di Provincia Unita, un progetto che ha voluto tenere unito il campo del centrosinistra aprendosi al sostegno degli amministratori rappresentativi del territorio. Con un documento votato all’unanimità (un solo voto contrario) dalla assemblea provinciale abbiamo deciso questa linea e su questa linea restiamo. Crediamo che tenere unite le forze, le energie e le istanze del centrosinistra, aperto al contributo di tutti sia un valore. Chi parla di ‘logiche di partito’ fa populismo vacuo: e quali sarebbero le logiche giuste? Quelle personali o quelle di gruppi trasversali?”.

Così, insomma, si esprime molto duramente il segretario provinciale del PD Francesco Piacente dopo la recente nascita del gruppo PD-Fratelli d’Italia tra Giovagnorio e Alfonsi. “Il Partito – continua – non risponde di scelte personali arbitrarie. Una cosa sono gli accordi locali, nei piccoli comuni, un’altra il livello provinciale: l’opinione pubblica a questo livello si aspetta segnali di serietà, di identità e chiarezza. Negli anni abbiamo conosciuto fenomeni di trasversalismo che hanno portato solo confusione negli elettori e nei nostri iscritti. Abbiamo conosciuto manovre politiche che sono state raccontate come civiche ma in realtà erano solo ciniche. E questo è ancora più grave se praticato alla vigilia di importanti elezioni comunali”.

Conclude Piacente: “Su Giovagnorio non ho nulla da dire: ci sono organismi politici e di garanzia che hanno il compito di occuparsi della vicenda e lo faranno presto. Mi preme invece dire ai tanti dirigenti, militanti e amministratori seri del nostro partito che restiamo all’opposizione di ogni manovra trasformistica. La Marsica si difende con la serietà della politica, rappresentando i cittadini e i comuni marsicani nella chiarezza delle posizioni, dando un contributo costruttivo di idee e battaglie per il territorio”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Regione Abruzzo: altri 42 milioni di euro per gli investimenti sanitari

Redazione IMN

Restituite alla società Santa Croce Spa le chiavi della ‘vasca di calma’ delle sorgenti Sant’Antonio Sponga

Redazione IMN

VIDEO. Fuochi d’artificio per la ‘prima’ dell’Euroveto Cup 2018, la competizione sportiva di calcio a 5 che fa rivalutare l’estate

Gioia Chiostri