INFO MEDIA NEWS
Cultura NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Il sogno scandinavo da Barbizon a Civita d’Antino

Il volume sarà presentato in anteprima proprio nel borgo montano da cui tutto ebbe inizio e a cui Kristian Zahrtmann volle intitolare il suo studio di Copenaghen “Casa d’Antino“

L’Associazione palazzo Ferrante, è orgogliosa di annunciare la prima presentazione italiana del catalogo:

Impressioni e realtà: Il sogno scandinavo da Barbizon a Civita d’Antino

Edito della Fondazione Pescarabruzzo, a cura di Marco Nocca, (saggio introduttivo, testi e schede) e una introduzione di Nicola Mattoscio. Il volume ancora fresco di stampa, sarà presentato in anteprima proprio nel borgo montano da cui tutto ebbe inizio e a cui Kristian Zahrtmann volle intitolare il suo studio di Copenaghen “Casa d’Antino“. Visitabile nella capitale danese, l’atelier suscita ancor oggi, nel nome, la commovente associazione tra la libertà della Pittura e un luogo della nostra penisola, così profondamente amato dai pittori Nordici.

Impressioni e realtà – Il sogno scandinavo da Barbizon a Civita d’Antino, costituisce il catalogo scientifico della collezione di Arte Danese del nuovo Imago Museum di Pescara, composta da 114 dipinti, 10 disegni e un’incisione, la raccolta comprende opere dei maestri nordici, realizzati in Italia dagli anni Ottanta dell’Ottocento, fino al 1946. Il volume include biografie di 29 artisti, un ricco apparato illustrativo a colori, che documenta la bellezza delle opere, schede critiche dei singoli dipinti e disegni, una imponente bibliografia, che tiene conto delle più recenti acquisizioni critiche (mostra “I Italien lys“, Copenaghen 2016).

Krøyer, Skovgaard, e soprattutto Kristian Zahrtmann, imprimono la svolta moderna alla tradizione nazionale danese, trovando nella penisola italiana la loro Barbizon. Scoperto il borgo abruzzese di Civita d’Antino nel 1883, K. Zahrtmann vi istituisce una scuola di pittura, che sarà frequentata fino al 1915 da decine di artisti nordici. Essi ritrovano qui una Natura intatta, la gentilezza e l’ospitalità del popolo, la luce del Sud. La “scuola di Civita d’Antino” espone decine di dipinti all’Esposizione Internazionale di Roma del 1911, e costituisce un tassello non trascurabile dell’arte danese moderna, a cavallo tra i due secoli.

La Fondazione Pescarabruzzo, con il suo Presidente Mattoscio, è impegnata dal 2009, con una campagna mirata di acquisto sul mercato antiquario nordico, a far rientrare in Italia i più importanti dipinti di soggetto abruzzese.

In occasione della presentazione, è possibile prenotare una copia del catalogo, al prezzo scontato di Euro 25,00 anziché 30,00 euro, inviando una mail a: info@associazionepalazzoferrante.it indicando Nome, Cognome, num. di copie. Il catalogo dovrà essere ritirato tassativamente prima dell’inizio della presentazione (ore 17.00).

“L’amministrazione comunale è molto soddisfatta per il lavoro svolto dall’associazione Palazzo Ferrante e ci sono molte iniziative in programma per il futuro”, ha aggiunto il sindaco Sara Cicchinelli.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Ancora botta e risposta sul Cim di Avezzano, Ginnetti: «In 10 giorni interventi mai fatti in un anno?»

Redazione IMN

De Matteis contro Mannetti: “Assessore fuggiasco”

Capogruppo di Forza Italia torna ad attaccare l'assessore alla Mobilità su centro storico e movida
Redazione IMN

Lega: torna raccolta firme per referendum giustizia

"Da sabato gli abruzzesi potranno firmare ed essere protagonisti di una grande riforma della ...
Redazione IMN