INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Il PD di Avezzano: “Verdecchia ha sbagliato”

La dichiarazione del Partito Democratico riguardo la candidatura a sindaco di Verdecchia e il lavoro del Partito

Amministrative Avezzano: il PD candida Verdecchia

Il PD di Avezzano ha voluto fare una dichiarazione riguardo la candidatura a sindaco di Roberto Verdecchia, e sull’intero gruppo dirigente del Partito Democratico locale e regionale.

“Nelle ultime settimane l’intero gruppo dirigente del Partito democratico locale e regionale, con impegno diretto del segretario regionale Michele Fina, ha lavorato alla lista del Partito e alla candidatura a sindaco di Roberto Verdecchia. Ogni sforzo e ogni contatto sono stati orientati alla costruzione di un’alleanza possibile a sostegno di questa proposta che purtroppo non ha trovato consensi sufficienti. Il Partito democratico e anche il suo candidato, sono stati oggetto di una campagna di forte ostilità sulla stampa e nelle interlocuzioni in città. L’ossessione di sabotare l’azione politica del PD da parte di taluni è cosa nota in città e protagonisti ne sono coloro che, dopo aver affondando la barca sono fuggiti. L’obiettivo è quello di mettere fuori gioco una forza politica che cerca di rinnovarsi, di cambiare metodi e volti: stanno provando a bruciare la casa che gli ha assicurato per anni sostegno elettorale, ruoli istituzionali e amministrazione della cosa pubblica. Quest’ultima alle volte amministrata con estrema disinvoltura, come riportano recenti notizie di stampa. Di fronte a questo scenario la reazione di Verdecchia è un grande errore: anzitutto perché non si reagisce in questo modo se non si trovano sufficienti convergenze sul proprio nome. E poi perché nel PD il suo ruolo sarebbe stato di riferimento con la forza che tutto il gruppo dirigente gli aveva accordato e al quale avrebbe potuto e dovuto corrispondere un riscontro di gratitudine. Ne siamo dispiaciuti e nonostante questo la gravità dell’errore e dei toni usati resta evidente e ingiustificabile.

In città non c’è chi non sappia in che modo e da chi il PD negli anni passati è stato indebolito determinando uno svuotamento continuo e una crisi profonda che ha costretto il partito provinciale e regionale ad intervenire nell’ultimo periodo per porre rimedio ad una situazione compromessa e grave che ha nomi e cognomi. In più di un’occasione è stato riconosciuto da tutti, dai livelli nazionali ai cittadini che ci osservano, il grande lavoro di ricostruzione avviato in provincia e in regione. Lo stesso segretario nazionale e la sua segreteria, a cui Verdecchia si è rivolto, ha voluto spesso sottolinearlo. Così com’è chiaro a tutti che i problemi del Pd di Avezzano e il suo progressivo “sgretolamento” negli anni è da rincodurre semmai a chi lo ha egemonizzato e a chi si è riconosciuto in modo acritico in questa egemonia, quindi non certo a chi ha generosamente provato ad impegnare il Pd sui temi, come ha fatto Giovanni Ceglie, né tantomeno a chi ne è stato completamente fuori. Ogni riferimento, inoltre, a sodalizi o ad uno brigare non meglio precisato è un’offesa innanzitutto a chi sta conducendo in piena autonomia il percorso politico del partito e che ha avanzato la proposta di un nostro candidato sindaco sebbene non obbligati da nessuno a farlo; è poi un’offesa a tutti coloro che generosamente stanno dando una mano, con un senso di appartenenza che probabilmente va riscoperto e posto a fondamento del nuovo partito che nascerà.

Per il partito di Avezzano cambia tutto e prosegue, persino con più forza, il percorso avviato: continua con più determinazione e con più spazio politico la costruzione di una lista molto radicata e di rinnovamento. L’uscita dal partito in modo ambiguo e poco trasparente di taluni sta riportando nuovo entusiasmo, energie giovani che per anni ci hanno guardato con diffidenza. C’è un’ onda di ritorno determinata proprio da chi, andandosene, aveva scommesso nella sconfitta definitiva: ma come spesso accade nella vita e in politica si sono aperte nuove strade, nuovi percorsi. Rispetto a questo, alcuni attacchi nascosti e tentativi di sabotaggi, appaiono solo gli ultimi tremori di carriere politiche al tramonto.

Il Partito democratico di Avezzano ha le idee molto chiare. Entro la prossima settimana si svolgerà un’assemblea aperta per assumere importanti decisioni sulle alleanze che stringeremo per la città. Per le prossime ore è già fissato più di un incontro politico dal quale ci aspettiamo buoni esiti e messaggi chiari alla città. Pensiamo di poter contribuire in modo decisivo alla composizione di una coalizione fortemente competitiva per il futuro di Avezzano portando il nostro contributo peculiare di partito organizzato e di forza di governo nazionale, alla vigilia di importanti investimenti infrastrutturali sul territorio regionale e nella Marsica”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Scoppito, gli anziani trasmettono storie, ricordi e tradizioni ai bimbi

“Nonno mi racconti una storia?” il progetto pedagogico sull’apprendimento intergenerazionale
Redazione IMN

Alleva e vende illegalmente tartarughe, denunciato dai Carabinieri Forestali

Redazione IMN

Coronavirus, Abruzzo: da inizio emergenza 3186 casi positivi

Rispetto a ieri si registra un aumento di 8 nuovi casi su un totale di 1332 tamponi analizzati
Redazione IMN