Spazio Pubblicitario

INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Il ‘Giubileo della luce’ passa anche per l’Abruzzo

Il complesso di Greccio e la basilica di Anagni, nel Lazio. Il duomo di Colle Val d’Elsa in Toscana; Fara San Martino in Abruzzo.

Sono solo alcuni dei più importanti e suggestivi luoghi di culto in Italia, che presto risplenderanno letteralmente di nuova luce, grazie all’iniziativa di ministero dell’Ambiente e Anci.

Coniugare il tema della sostenibilità e dell’efficienza energetica con la valorizzazione del patrimonio, utilizzando la ‘luce’ come mezzo di riscoperta delle tante ricchezze del Paese, è infatti la principale finalità del progetto ‘Giubileo della luce’, nato da un accordo tra ministero dell’Ambiente e Anci e ispirato al Giubileo Straordinario della Misericordia.

Presentata nella sede dell’Anci dal ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e dal presidente dell’Anci Piero Fassino, l’iniziativa costituisce un modo per dar vita ad un ‘Giubileo diffuso e partecipato’, dando un’opportunità ai Comuni, soprattutto quelli meno conosciuti ma in cui sono presenti tracciati, ‘cammini’, antiche vie, oppure aree naturalistiche poco valorizzate. L’illuminazione, in quest’ottica, diventerà la chiave di valorizzazione e rinascita di edifici religiosi o luoghi a valenza religiosa, con l’idea di enfatizzare il rapporto degli edifici con il territorio, invitando la comunità ad avvicinarsi al luogo di culto in quanto fonte di ricchezza culturale innanzitutto per il territorio, il cittadino, il turista.

Il risultato sarà poi quello di mettere in rete siti della cristianità secondari con siti di primaria importanza, creando una rete territoriale che si rafforzi in termini di attrattività nel suo complesso. «Il nostro Giubileo della Luce – ha spiegato il ministro dell’Ambiente Galletti – sta trovando grande attenzione in tutta Italia. Ancor più importante è il messaggio culturale che porta con se’: abbiamo bisogno di vedere tutto ciò che ci circonda sotto una luce nuova, quella della sostenibilità e del rispetto dell’ambiente. Con l’Enciclica Laudato Si’ – prosegue Galletti – Papa Francesco ci ha indicato un diverso modello di sviluppo, in grado di ridurre e prevenire in futuro le diseguaglianze sociali e i disastri ambientali partendo dai gesti quotidiani. L’efficienza energetica, perno dell’accordo della Cop21 di Parigi, è allora una scelta globale indifferibile: con questo progetto la portiamo nei percorsi giubilari e nei luoghi di culto meno noti ma non meno affascinanti d’Italia, perché’ sia veicolo di crescita territoriale, proprio come deve accadere in tutto il Paese».

«Mi auguro che questi 16 interventi – ha affermato il Presidente Anci Fassino – siano soltanto i primi, e che altri candidati potranno vedere realizzate le opere di valorizzazione dei luoghi. Questa manifestazione ha confermato la presenza di una grande ricchezza racchiusa negli angoli più nascosti del nostro Paese. Le candidature ricevute, anche molto eterogenee, sono accomunate però da altissima qualità e pregio dei luoghi. Il nostro obiettivo deve essere quello di fare emergere queste realtà, perché’ possano essere volano di sviluppo per l’intera nazione».

All’Avviso hanno partecipato 134 amministrazioni comunali, di cui 66 sono state valutate dalla Commissione ammissibili alla successiva fase di progettazione e finanziamento, fino ad esaurimento degli 1,6 milioni stanziati dal ministero dell’Ambiente.

La graduatoria dell’Avviso Anci rimarrà aperta fino al 31 dicembre 2016 per consentire eventuale scorrimento o ulteriore finanziamento delle candidature presentate.

Attualmente i fondi disponibili consentono di realizzare interventi per le prime 16 candidature in graduatoria, che sono state selezionate dall’Anci, previa verifica in loco dei requisiti.

Gli ambiti regionali dove si riscontra la maggiore concentrazione delle candidature valutate sono: il Lazio (19), il Molise (10), l’Emilia Romagna (8), l’Umbria (7) e l’Abruzzo (5).

Fonte: AGI

Foto di: piuturismo.it

Altre notizie che potrebbero interessarti

Consiglio comunale ad Avezzano: passa all’unanimità la delibera pro Tribunale, primo punto all’Odg

Gioia Chiostri

Pescara: violenza domestica si tramuta in tragedia, arrestato romeno

Gioia Chiostri

Scossa 4.8 nella notte a Catania: gente ferita in strada

Gioia Chiostri