INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Il DPCM di Pasqua: parrucchieri chiusi in zona rossa

Sarà valido per un mese. Restrizioni in vigore anche per Pasqua e Pasquetta. Le indiscrezioni.

Governo, Draghi pronto a salire al Quirinale

Sono giorno bollenti per Governo e Regioni, perché è in fase di preparazione il nuovo Decreto, il primo del Governo Draghi, quello che dovrebbe accompagnare gli italiani alla ricorrenza della Santa Pasqua 2021.

Il nuovo Dpcm, che scatterà il 6 marzo, potrebbe essere valido per un mese. Tra le novità previste: dal 27 marzo riapriranno – nel rispetto di specifici protocolli – cinema e teatri mentre sarà possibile andare al museo anche nei week end. Le indiscrezioni sono state riportate dall’Ansa.

BARBIERI E PARRUCCHIERI CHIUSI (ZONA ROSSA): in questa fascia sono sospese le attività inerenti servizi alla persona, diverse da quelle individuate nell’allegato 24, dove – a differenza del precedente provvedimento – non vengono menzionati i servizi dei saloni di barbiere e di parrucchiere.

VIAGGI VIETATI, STOP SPOSTAMENTI TRA LE REGIONI: Il divieto di spostamento tra le Regioni è valido fino al 27 marzo ma assieme al prossimo Dpcm, che disciplinerà le misure fino al 6 aprile, Pasqua compresa, potrebbe essere nuovamente prorogato con un decreto. Come sempre è consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione così come gli spostamenti motivati da esigenze lavorative, ragioni di salute o situazioni di necessità. Permessa in zona gialla in ambito regionale la visita in una sola abitazione privata, una volta al giorno, fra le 5 del mattino e le 22. Possono spostarsi due persone più i figli minori di 14 anni.

SHOPPING: Negozi chiusi solo in zona rossa dove sono garantiti esclusivamente gli esercizi commerciali di prodotti essenziali: farmacie, alimentari, ferramenta. In zona gialla e arancione tutti i negozi sono aperti. Nei week end continuano ad essere chiusi i centri commerciali. Negli esercizi sono valide le solite misure di sicurezza: distanziamento, mascherina, ingressi contingentati.

CONTINUA LA SERRATA DI PISCINE E PALESTRE:
Ancora lontana la possibilità di andare in palestra o in piscina. Vietati gli sport di contatto e di squadra. Consentita invece l’attività motoria individuale all’aperto come la camminata, la bici e la corsa. Al momento il Cts visto l’andamento dei contagi non ritiene opportuno allentare le restrizioni in questo settore. Se le cose dovessero migliorare si potrebbe pensare almeno a lezioni individuali o su prenotazioni. Agli agonisti è permesso di allenarsi.

LA SERA NIENTE RISTORANTE – Niente cene al ristorante. Al ristorante e bar in zona gialla si potrà andare solo di giorno. Si temono gli assembramenti fuori dai locali, che puntualmente avvengono anche a locali chiusi nel fine settimana. Dunque le regole per i ristoranti restano quelle in vigore: in zona gialla aperti fino alle 18 e fino alle 22 consentito l’asporto. A domicilio è consentito ad ogni ora. Asporto e domicilio sono consentiti nelle zone arancio e rosse. Eccezione fanno gli autogrill, oltre le 18 in zona gialla, le mense e i ristoranti negli alberghi.

Altre notizie che potrebbero interessarti

L’Abruzzo lancia il Piano Export Sud: cresce la presenza del ‘made in Italy’ all’estero

Alice Pagliaroli

Match di cartello al ‘Tardini’ di Parma: ecco il percorso per la tifoseria del Pescara

Redazione IMN

VIDEO. 2° Premio letterario in memoria di Luigi D’Andrea: la natura al centro del ricordo eterno

Kristin Santucci