INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Degrado Giovenco tra Pescina e San Benedetto dei Marsi

Una denuncia dei CC Forestali per scarico senza autorizzazione nel fiume

I Carabinieri Forestali di Lecce dei Marsi hanno denunciato a piede libero il titolare di un opificio dal quale si riversavano le acque di scarico nel fiume Giovenco senza alcuna autorizzazione; sanzione amministrativa poi per il titolare di un’altra azienda locale che non aveva rinnovato l’autorizzazione per lo scarico dei reflui nel fiume.

Si è conclusa così l’attività info-investigativa dei Carabinieri forestali sugli scarichi delle acque reflue nel Giovenco, operazione di controllo che ha interessato il corso d’acqua da Pescina allo sbocco della Cintarella con l’ausilio del Nucleo Carabinieri Subacquei di Pescara e con i Carabinieri Forestali di Lecce dei Marsi che hanno controllato a terra diversi collettori fognari, 15 quelli risultati in regola.

Per di più i controlli sul corso del Giovenco hanno rilevato incuria e un avanzato stato di degrado di tipo paesaggistico, infatti nell’alveo e sull’arenile vi sono rifiuti di ogni tipo, alberature divelte e materiale pietroso di scarto soprattutto nel territorio di San Benedetto dei Marsi vicino all’ex discarica.

Il fiume Giovenco è iscritto nell’elenco delle acque pubbliche e quindi essendo un bene vincolato dal “Testo unico in materia di beni culturali e ambientali”, i Carabinieri Forestali hanno informato tutte le autorità preposte e cioè Comune, Prefettura, Regione e Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio a proposito della situazione di particolare degrado affinché si prendano gli opportuni provvedimenti.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Indossare calzini diversi per dire che siamo tutti uguali: oggi è la Giornata Mondiale della Sindrome di Down

Gioia Chiostri

Giro d’Italia in Vespa: lo stile anni ’50 ‘romba’ anche a Celano

Redazione IMN

Aielli: l’intera Costituzione scritta su un muro

La nuova sfida di Di Natale per riscoprire i principi costituzionali
Redazione IMN