INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS

Identificato e denunciato ‘furbetto di pere e banane’ sottratte e rivendute nel teramano

Identificato e denunciato un vero ‘furbetto delle pere e delle banane’. Tutto nasce dalla denuncia del titolare di una Cooperativa agricola di Troia (Foggia), il quale aveva informato la Questura dei propri ‘sospetti’ sulla condotta di un autotrasportatore dipendente al quale ‘era mancato’, negli ultimi giorni, un consistente quantitativo di frutta (pere, banane e mele), sottratte da carichi destinati a negozi del Nord Italia, della cui mancanza lo stesso non riusciva a dare alcuna contezza.

 

L’autotrasportatore in più di un viaggio nel periodo natalizio avrebbe ‘deviato’ sul percorso sud/nord in direzione cittadine del Veneto e della Lombardia, per raggiungere Teramo. I poliziotti dell’ufficio investigativo sono riusciti a ricostruire in poco tempo il percorso realmente effettuato dal camion condotto dall’autotrasportatore negli scorsi giorni, avendo conferma della presenza a Teramo proprio poche ore prima della segnalazione ricevuta dal titolare della Cooperativa.

 

È stato così che i poliziotti hanno potuto individuare l’esercente a cui P.D., quarantenne di Tortoreto, aveva scaricato, per un prezzo assai minore rispetto a quello previsto, la frutta ‘sottratta’. Alla richiesta di documentazione circa la giacenza nel suo negozio della frutta ‘segnalata’, S.A., trentenne cittadino extracomunitario, in realtà non è riuscito a dare seguito. Sono risultati quindi privi di regolare bolle e fatture 225 chilogrammi di pere (‘Angelys’), 360 chilogrammi di banane (‘Chiquita’) e 700 chilogrammi di mele (‘Fuji’) che l’esercente doveva ammettere essere state pagate all’autotrasportatore ‘un terzo’ del normale prezzo di mercato, cosa che ha consentito conseguentemente di vendere al minuto a ‘prezzo più che concorrenziale’.

 

Gli Agenti della Squadra Mobile, dopo aver sequestrato e restituito la merce illecitamente sottratta alla Cooperativa produttrice, hanno segnalato alla Procura della Repubblica l’autotrasportatore per appropriazione indebita e l’esercente della rivendita di frutta per ricettazione.

 

Fonte: ANSA

 

Foto di: nuovavenezia.gelocal.it

Altre notizie che potrebbero interessarti

Dimesso dal carcere dopo 15 anni di reclusione, ucraino espulso dall’Italia in attesa di rimpatrio

Redazione IMN

Domani a L’Aquila la presentazione di Edu Day, l’evento Microsoft sulla cultura digitale

Gioia Chiostri

VIDEO. Pacentro tra dissesto e nuova scuola: «Il progetto sarà alla Biennale di Venezia»

Redazione IMN