INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica PRIMA PAGINA SLIDE TV

I provvedimenti adottati dalla Giunta regionale

I provvedimenti adottati nella seduta di ieri

I provvedimenti adottati dalla Giunta regionale

La Giunta Regionale, riunitasi ieri pomeriggio, a Pescara, e presieduta dal presidente Marco Marsilio, ha disposto, su proposta dell’assessore alla Salute Nicoletta Verì, la rimodulazione del tetto di spesa della Casa di Cura San Raffaele di Sulmona, già fissato in 4 milioni 849mila 607 euro, per il 2019, incrementandolo, per il 2020, nella misura di 1 milione 300mila, nell’ambito dell’aumento del budget complessivo stanziato negli atti di programmazione finanziaria 2020. Tale incremento sarà destinato alla remunerazione di prestazioni (Codice 28) rese dalla casa di Cura San Raffaele, unica struttura del territorio regionale ad effettuare tali prestazioni rivolte a pazienti con mielolesioni e gravi cerebrolesioni, in un contesto di scarsa diffusione di strutture simili nel centro sud d’Italia.

Su proposta dell’assessore con delega al Sociale, Pietro Quaresimale, l’Esecutivo regionale ha destinato lo stanziamento di 600mila euro agli interventi a sostegno dei genitori caregiver che assistono i figli minori affetti da malattie rare che comportano una condizione di disabilità gravissima, con necessità di una elevata intensità assistenziale nelle 24 ore, mediante l’assegnazione di un contributo economico concedibile per ciascun nucleo familiare pari a 10mila euro in favore del genitore che vi si dedica in maniera continuativa e risulta essere disoccupato/inoccupato. L’erogazione del contributo a favore dei beneficiari è stabilita in due soluzioni: il 70% dell’importo a conclusione delle procedure di ammissione, il restante 30% a seguito di relazione semestrale da parte del Servizio Sociale competente per territorio di residenza, che confermi il mantenimento dei requisiti previsti per l’ammissione al beneficio. La deliberazione di giunta comprende nell’allegato A l’Avviso relativo ai criteri e alle modalità per l’erogazione dei contributi per l’anno 2020, in quello B il modello di istanza di accesso al contributo economico e in allegato C il modulo da compilare a cura del medico convenzionato che ha in carico l’assistito. La fruizione del contributo oggetto dell’Avviso è compatibile con altri benefici e/o servizi fruiti, tranne che con la fruizione dell’Assegno disabilità gravissima erogato con le risorse del Fondo Nazionale Non Autosufficienza. Le istanze devono essere inviate entro 20 giorni dalla pubblicazione della DGR sul BURA e, stante lo stato di emergenza sanitaria in atto, esclusivamente a mezzo posta elettronica certificata all’indirizzo: dpg023@pec.regione.abruzzo.it. L’invio può essere fatto da un indirizzo di posta elettronica certificata intestato al soggetto richiedente o avvalendosi dell’ausilio dei Patronati.

L’oggetto della PEC deve riportare la seguente dicitura: “Riconoscimento e valorizzazione del lavoro di cura del genitore – caregiver Anno 2020”. Il presente provvedimento sarà integralmente pubblicato sia sul portale regionale www.regione.abruzzo.it, sia sul sito dell’Osservatorio sociale regionale www.abruzzosociale.it. Su proposta dell’assessore alla Salute, Nicoletta Verì, la Giunta ha, poi, recepito l’Intesa tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano del 31 marzo scorso, con cui è stato approvato l’Accordo Collettivo Nazionale per la disciplina dei rapporti con gli specialisti ambulatoriali, veterinari e altre professionalità sanitarie (biologi, psicologi e chimici) ambulatoriali. Tale Accordo prevede l’istituzione, in ogni Regione, di un Comitato paritetico, presieduto dallo stesso Assessore alla Salute, e composto da quattro rappresentanti delle ASL e cinque rappresentanti sindacali individuati dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative. L’attività del Comitato è rivolta, principalmente, a formulare pareri e proposte sulla programmazione sanitaria regionale, fornire indirizzi alle aziende e ai Comitati zonali per l’uniforme applicazione dell’Accordo Integrativo Regionale e attuare il monitoraggio degli Accordi Attuativi Aziendali.

Su proposta dell’assessore all’Ambiente Nicola Campitelli, la Giunta ha recepito latto denomianato “Determinazione dei valori di fondo naturale dei sedimenti marini abruzzesi”, istruito e trasmesso da ARTA Abruzzo-Distretto di Pescara, che tiene conto delle attività svolte e delle elaborazioni dei dati analitici prodotti, nel periodo 2011-2016, in questo specifico settore, per prerogative di competenza in relazione alle quali il Servizio deputato rilascia i titoli autorizzativi per l’immersione in mare di sedimenti marini derivanti da attività di dragaggio.

La Giunta regioanle, ha deliebrato, su proposta del Presidente, Marco Marsilio, il Piano di emergenza dighe finalizzato alla pianificazione e la gestione delle emergenze di protezione civile per la Diga di Provvidenza nel Comune dell’Aquila. Il documento è stato predisposto da un gruppo di lavoro coordinato dai servizi regionali di Prevenzione dei Rischi di Protezione Civile (DPC029) e Infrastrutture.

Il Piano di Emergenza della diga di Provvidenza (PED), prevede situazioni di rischio ed indirizzi di pianificazione delle emergenze che devono essere recepiti dai Comuni che si trovano a valle dello sbarramento, nei rispettivi piani di emergenza comunali.

Si tratta di un documento dinamico che necessita di periodici aggiornamenti oltre che di apposite esercitazioni da parte di tutti gli enti e strutture interessate per testare l’efficacia sul territorio.Approvata, su proposta dell’assessore al Bilancio, Guido Quintino Liris, una variazione di bilancio per Interventi straordinari a sostegno delle imprese operanti nel settore dell’informazione e della comunicazione come previsto dalla legge regionale 10/2020 e come modificato dalla legge regionale 16/2020.

In sostanza, si prevede un aumento dello stanziamento disponibile per contributi alle imprese del settore dell’informazione e della comunicazione pari a 20mila euro. Lo stanziamento previsto, pertanto, passa da 420mila euro a 440mila.

Un tirocinio per giovani diplomati e laureati iscritti nei Registri dei praticanti per avviarli all’esercizio della libera professione. E’ quanto si propone la Giunta regionale che oggi, su iniziativa del vice presidente ed assessore alle Politiche agricole, Emanuele Imprudente, ha approvato la convenzione per un programma di collaborazione pluriennale tra la Regione Abruzzo-Dipartimento Agricoltura e il Collegio nazionale degli agrotecnici e degli agrotecnici laureati.

Oltre ad arricchire l’esperienza professionale nella Pubblica Amministrazione attraverso un contatto diretto con il mondo del lavoro anche ai fini del superamento dell’esame di Stato per l’abilitazione professionale il tirocinio sarà utile all’Amministrazione regionale per l’instaurazione di un proficuo rapporto interistituzionale con il Collegio degli Agrotecnici anche in termini di confronto e di ulteriore specializzazione.

Disco verde anche per lo schema d’intesa tra la Regione Abruzzo, la Regione Lazio, e la Regione Molise per la procedura di approvazione del Piano del Parco Nazionale Abruzzo, Lazio e Molise e Valutazione Ambientale Strategica (VAS). L’obiettivo è definire una collaborazione tra le tre Regioni nell’ambito della quale la Regione Abruzzo viene individuata Regione Capofila (per vastità di territorio interessato dalla procedura di VAS).

Approvati, su proposta dell’assessore con delega alla Cultura, Daniele D’Amario, i criteri e le modalità per la concessione dei contributi per l’anno 2020 per attività legate alla cultura cinematografica, audiovisiva e multimediale. In considerazione dell’emergenza sanitaria, la copertura finanziaria è pari a 300mila euro.

La Giunta regionale, su proposta del vice presidente con delega alla Pesca, Emanuele Imprudente, ha deliberato l’istituzione e l’approvazione di un regime “de minimis” in favore di imprese abruzzesi di pesca che esercitano la pesca professionale dei molluschi bivalvi nel Compartimento Marittimo di Pescara per la realizzazione di interventi di tutela e monitoraggio delle risorse ittiche. La dotazione complessiva è di 200mila euro a valere dalle risorse disponibili nel bilancio regionale 2020. Si tratta di un aiuto concesso senza violare la legge sulla libera concorrenza definito in seguito ad una consultazione della Conferenza regionale della pesca e dell’acquacoltura.

La Giunta, su proposta dell’assessore all’Istruzione, Pietro Quaresimale, ha, poi, approvato, sulla base della legge 23 dicembre 2008 n.448, la fornitura gratuita e semigratuita dei libri di testo per l’anno scolastico 2020-2021. In particolare, sono stati ripartiti fondi tra i Comuni abruzzesi per una cifra complessiva pari a 2 milioni 922mila 256 euro: 2 milioni 220 mila euro per la fornitura di libri di testo in favore di alunni che adempiono all’obbligo scolastico (scuola secondaria di primo grado e primo e secondo anno di corso della scuola secondaria di secondo grado) e circa 700mila euro per la fornitura di libri di testo in favore di studenti della scuola secondaria superiore (terzo, quarto e quinto anno di corso della scuola secondaria di secondo grado). I Comuni sono incaricati di ricevere le istanze dei propri residenti e di valutarne l’ammissibilità delle stesse in base ai requisiti previsti dalla legge oltre ad ammettere a beneficio gli studenti appartenenti a famiglie il cui reddito ISEE in corso di validità non superi il limite massimo di 15mila 493,71 euro e che non abbiano usufruito di altro contributo o sostegno pubblico di altra natura per l’acquisto dei libri di testo.

In attesa dell’adozione a livello nazionale di un piano pandemico, la Regione Abruzzo ha voluto dotarsi di un documento concernente un “Piano di preparazione e risposta alle emergenze infettive nella Regione Abruzzo”, con l’obiettivo di fornire linee di indirizzo regionali e rappresentare il documento di riferimento per la elaborazione di piani operativi aziendali. A tal proposito, su impulso dell’assessore Nicoletta Verì, la Giunta regionale ha istituito il nuovo “Comitato Pandemico regionale”.

Su iniziativa dell’assessore all’Ambiente, Nicola Campitelli, in ossequio alla Legge Regionale n. 122/99, si è, inoltre, proceduto all’istituzione del Comitato regionale per l’Educazione Ambientale. Si tratta di un organismo tecnico consultivo sugli interventi in materia di educazione ambientale, presieduto dal Direttore regionale preposto al Dipartimento Territorio Ambiente. Il Comitato, che resta in carica per un triennio, è composto da un rappresentante dell’ARTA Abruzzo, da un rappresentante dell’ufficio Parchi e Riserve, Programmi comunitari della Regione, da un rappresentante dell’Ufficio Scolastico regionale, da un rappresentante dei Parchi Regionali e Nazionali con sede regionale, da quattro esperti, di cui uno indicato dall’UPA, scelti tra operatori con esperienza in strutture pubbliche o private, nel settore dell’educazione ambientale, su proposta del componente la Giunta e dal rappresentante della Regione Abruzzo al tavolo tecnico permanente Stato-Regioni costituito per le istruttorie in materia di informazione, formazione ed educazione ambientale.

Su iniziativa dell’assessore al Diritto allo Studio, Pietro Quaresimale, la Giunta regionale ha approvato il bilancio dell’ADSU dell’Aquila, contenuto nella deliberazione del Consiglio di Amministrazione dell’Azienda per il Diritto agli Studi universitari di L’Aquila del 3 marzo scorso.

Su proposta dello stesso assessore Quaresimale, il vigente Piano Sociale Regionale 2016-2018, è stato prorogato fino al 31 dicembre prossimo in attesa dell’approvazione del nuovo Piano. Le misure urgenti attuate per il contenimento dell’emergenza COVID-19 e i conseguenti provvedimenti in materia di sicurezza sanitaria adottati dallo Stato e dalla Regione hanno determinato ritardi ed impedimenti nelle attività di concertazione necessarie che non hanno reso possibile la predisposizione del nuovo strumento di programmazione sociale.

Si rende indispensabile conservare l’efficacia delle norme relative alla programmazione dei servizi e degli interventi sociali contenuti nel Piano al fine di fornire ai soggetti istituzionali e sociali coinvolti i necessari riferimenti programmatori e gestionali.

Su impulso dell’assessore Nicoletta Verì, è stato approvato l’Accordo di collaborazione tra la Regione Toscana e la Regione Abruzzo in materia di implementazione della qualità dei servizi di Medicina di Laboratorio per l’anno 2020. La Regione Abruzzo intende rinnovare la Convenzione al fine di proseguire le attività previste dai programmi di Verifica Esterna di Qualità (VEQ) dei laboratori analisi delle strutture pubbliche della nostra Regione. Si attribuisce all’Agenzia Sanitaria Regionale anche per l’anno 2020, il compito di dare attuazione, per conto della Regione Abruzzo all’Accordo, nonché all’organizzazione in sede delle attività della Cabina di Regia e dei referenti regional

Altre notizie che potrebbero interessarti

L’Aquila, all’Eude Cicerone la Prima Commissione consiliare

Alice Pagliaroli

M5S propone legge per incentivare la Street Art

“L’arte non è più un affare di pochi ma un qualcosa di fruibile ai più, generando un incremento del ...
Redazione IMN

Avezzano, finisce ai domiciliari 49enne del posto per tentato furto aggravato

Redazione IMN