INFO MEDIA NEWS
Cultura NEWS SLIDE TV

“I Luoghi del Cuore”: Eremo di Sant’Onofrio al Morrone primo

Casini: "Una notizia bellissima. Il nostro luogo del cuore è arrivato nono anche nella graduatoria generale. Con il premio di 20 mila euro, potremo restaurare gli affreschi custoditi all’interno".

L’Eremo di Sant’Onofrio al Morrone è risultato primo nella graduatoria speciale Italia sopra i 600 metri, nell’ambito del censimento “I Luoghi del Cuore Fai 2020”.

“E’ una notizia bellissima, motivo di grande soddisfazione vedere il nostro Eremo in vetta alla classifica, davanti a gioiellini non indifferenti, nono anche nella graduatoria generale, tra i dieci Luoghi del Cuore più amati in Italia. 22.442 sono i voti pervenuti e ringrazio sentitamente Franca Leone, il direttivo e tutti i soci del FAI “Sulmona Tre Valli”, per l’intenso e incessante lavoro portato avanti da questa estate, teso a far emergere l’immenso patrimonio e la ricchezza meno nota ma comunque molto significativa d’Italia”. Questa la dichiarazione del sindaco, Annamaria Casini, alla luce delle notizie diffuse.

“Con il premio di 20 mila euro, – aggiunge – potremo restaurare gli affreschi custoditi all’interno del suggestivo luogo caro a San Celestino, secondo il progetto che metteremo a punto insieme alla Soprintendenza, che pure ha collaborato incessantemente. Il risultato è frutto di un lavoro corale: il Comune, proprietario del bene, ha aderito da subito alla campagna per la raccolta firme, insieme al Comitato “Custodi dell’Eremo di Celestino”, intorno alla quale sono ruotate diverse iniziative di numerose associazioni per incentivare la votazione. A tutti loro il nostro grazie. Ma voglio ringraziare anche le scuole sulmonesi che hanno fornito un grandissimo apporto, dando il massimo con grande entusiasmo e serietà. Ringrazio i dirigenti scolastici per questo grande contributo”. E’ quanto afferma l’assessore alla Cultura e Turismo Manuela Cozzi”, avverte la prima cittadina sulmonese.

“E’ motivo di orgoglio per Sulmona e tutto il Centro Abruzzo essere riusciti a cogliere questa importante opportunità che valorizza l’Eremo, particolarmente caro al nostro territorio, ricco di storia, cultura e religiosità. E’ un prezioso elemento in più che contribuirà alla nostra politica di rilancio turistico per tutto il territorio, nell’ambito di una progettualità ad ampio raggio per la riqualificazione dei luoghi celestiniani”, questa la conclusione.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Domato l’incendio a Civita d’Antino

I Vigili del fuoco hanno spento le fiamme, questa mattina altro rogo nei pressi del centro abitato
Redazione IMN

Ladri di prosciutti affamati o affaristi?

Rubati 1500 pezzi tra salumi di vario genere
Redazione IMN

Di corsa a ‘Zompo Lo Schioppo’: successo per il quarto trail che attraversa la Riserva morinese

Kristin Santucci