INFO MEDIA NEWS
EVENTI NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

“Gran criterium vetturette”, c’è auto Nuvolari

Torna dopo quasi 70 anni, 30 auto da tutta Italia 6 e 7 maggio

Ci saranno una Ermini, un’auto artigianale, realizzata a mano, con la quale corse Tazio Nuvolari, e che condotta da un top driver, Mauro Giansante di Pescara, ma ci saranno anche due Taraschi, dal nome del costuttore teramano che ha sempre vinto a Chieti: una viene da Teramo, l’altra dalla Sicilia, auto con cui hanno corso diversi piloti, fra i quali Maria Teresa De Filippis che è la prima pilota donna a qualificarsi in un gran di formula 1 e che partecipò a Chieti alle tre edizioni del “Gran Criterium Vetturette“.

La manifestazione motoristica dedicata alle monoposto e biposto sportive 750 di cilindrata torna a Chieti dopo quasi 70 anni, con 30 vetture iscritte provenienti da tutta Italia, protagoniste il 13 e 14 maggio prossimi, su due percorsi: il primo con partenza da Chieti porta a Fara San Martino dopo aver attraversato diversi centri della provincia di Chieti.

L’altro ricalcherà, sulla distanza di un chilometro, il circuito cittadino della Villa comunale di Chieti, che sarà preparato con tanto di balle di paglia, per ricreare l’atmosfera di quei tempi, che le vetture affronteranno a gruppi di quattro o cinque alla volta. Il Gran Criterium Vetturette era una gara di livello internazionale: a Chieti si disputò nel 1952, nel 1953 e nel 1954. L’anno dopo era tutto pronto per la successiva edizione quando, in seguito a incidenti mortali in Italia su altri circuiti, tutte le gare vennero bloccate.

Nel capoluogo è stato conservato il manifesto che annuncia la gara del 1955 ed è da quello che si riparte. La manifestazione, presentata oggi al teatro Marrucino, è stata organizzata dall’associazione a Ruote Classiche Teatine, club affiliato ad Aci Storico, in collaborazione con Aci Chieti, Comune di Chieti e Regione Abruzzo; ha portato il suo saluto collegato telefonicamente il pilota Jarno Trulli. “La città è lieta di ospitare un evento con una storia che affonda le radici nel passato – ha detto il sindaco Diego Ferrara – Saluteremo questa manifestazione come un felice ritorno a una programmazione che la pandemia ha fermato, ma che appartiene alla storia della città e deve essere celebrata”.

Fissata inizialmente per i giorni venerdì 6 e sabato 7 maggio, la manifestazione è stata rinviata alla settimana successiva, ha fatto sapere il Comune di Chieti in serata, “a causa delle previsioni del tempo che, purtroppo, dagli ultimi aggiornamenti, non sembrano favorevoli e consone allo svolgimento della manifestazione.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Volo dall’India a Fiumicino: 23 positivi

Positivi anche due componenti dell'equipaggio
Redazione IMN

VIDEO. Consiglio Comunale Avezzano, Cipollone non ci sta: «Riportare la democrazia in città»

Kristin Santucci

Cassa integrazione in deroga: istruite l’86% di domande

Cresce il numero di istanze delle domande, istruite dal gruppo di lavoro preposto. Sono state ...
Redazione IMN