INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

Giovane offende davanti a tutti i carabinieri: chiuse le indagini

Il ragazzo, di Avezzano, è accusato di oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale. Concluse le indagini preliminari. I fatti sono avvenuti questa estate, durante la notte della vittoria dell'Italia agli Europei.

“Siete capaci di portare solo la divisa a spasso, siete dei c…”.

Queste ed altre offese sarebbero state rivolte, pubblicamente, a uomini appartenenti all’Arma dei Carabinieri, precisamente questa estate a Tagliacozzo, davanti a parecchia gente, nella Piazza principale della città. I due militari sono in servizio nella Compagnia di Tagliacozzo. All’epoca dei fatti, nel mese di luglio, mentre i due carabinieri stavano svolgendo il proprio lavoro, un 28enne, in preda ai fumi dell’alcol, avrebbe offeso e reagito ai due carabinieri, intervenuti per cercare di riportare alla normalità la situazione “accesa”.

Il ragazzo, classe 1993, è difeso dagli avvocati Pasquale e Luca Motta, del Tribunale di Avezzano.

Sono state quindi concluse le indagini preliminari sul caso. Il giovane ha 28 anni ed è di Avezzano.

I fatti sono avvenuti a Piazza Obelisco, proprio poco dopo la vittoria dell’Italia agli Europei di Calcio, questa estate.

I due carabinieri, di servizio quella notte, sono dovuti intervenuti poiché allertati per via di alcuni schiamazzi di piazza da parte di tifosi della Nazionale, “troppo alticci”. Uno in particolare stava creando non poco disturbo alla quiete pubblica. Il 28enne venne allora denunciato per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale.

Il giovane avrebbe inveito contro i due carabinieri, proferendo parole del tipo: “Non siete nulla, (…) e vi credete degli eroi”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Afghanistan, Emergency: “Blitz talebani in case attivisti”

Zanin (Emergency): "Cercano armi e documenti per screditarli, mancano conferme". Ucciso il parente ...
Redazione IMN

Ospedale Civile di Avezzano, nuovo macchinario laser per interventi di prostata

Redazione IMN

Ad Avezzano la ‘Notte dell’uguaglianza’: la Commissione pari opportunità esce allo scoperto con lo strumento del dialogo

Gioia Chiostri