INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Genovesi: “Arroganza maggioranza, nuove elezioni”

Il coordinatore provinciale della Lega e consigliere comunale di Avezzano: "Ci si permette di dire 'noi non dobbiamo rispondere a niente e nessuno', dovreste ridare voce al popolo"

“L’arroganza di chi non è stato eletto alla carica di sindaco si permette di dire ‘noi non dobbiamo rispondere a niente e nessuno'”.

Così il coordinatore provinciale della Lega e consigliere comunale di Avezzano, Tiziano Genovesi, in un post sui social torna a scagliarsi contro l’amministrazione Di Pangrazio e in particolare contro il vicesindaco Domenico Di Berardino, attualmente facente funzioni dopo la sospensione del sindaco Giovanni Di Pangrazio.
Di Berardino, rispondendo alle domande dei giornalisti, a margine della conferenza stampa sulla videosorveglianza, ha voluto precisare che la stessa non nasce in risposta alle dichiarazioni sulla sicurezza del consigliere del Carroccio.

Genovesi punta il dito contro le parole del vicesindaco e aggiunge: “Caro facente funzioni, voi dovreste rispondere al popolo che è sovrano e, se proprio vogliamo essere puntigliosi, dovreste rispondere anche alle 7.332 persone che hanno votato Genovesi – scrive ancora il consigliere comunale – Ma evidentemente l’arroganza di chi non pensa di essere amministratore ma padrone della città, porta a queste affermazioni. Voi non siete padroni di nulla, perché non pensate a dare risposte? Se proprio volete essere corretti ridate la voce al popolo con nuove elezioni, soprattutto alla luce della sospensione del vostro sindaco!”, conclude.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l’Housing Sociale in Abruzzo: «Una leva per la qualità della politica abitativa»

Redazione IMN

Tutto pronto per “Accendiamo il Natale” a Pescara

Masci: "L'iniziativa risponde a obiettivi di inclusione sociale"
Redazione IMN

Donna morta a Pescara: subì violenza sessuale, romeno identificato ed estradato

Gli agenti della Polfer di Pescara hanno ricostruito gli ultimi momenti di vita della vittima.
Redazione IMN