INFO MEDIA NEWS
NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV Sport

Fucense, Cristian Di Salvatore lascia

Il ds e responsabile del settore giovanile saluta dopo sette anni: "Lascio una società ambiziosa"

Fucense, Cristian Di Salvatore lascia

“Ho deciso di lasciare la società perché porto rispetto per il paese, per questi colori, per i giocatori e tutte le persone che ruotano attorno alla società”. Cristian Di Salvatore ufficializza il suo addio alla Fucense dopo sette stagioni, in cui i rossoblù trasaccani sono risaliti dalla Terza Categoria fino alla Promozione. “È dura per me prendere questa decisione ma avendo cambiato lavoro, e avendo in parte stravolto la mia vita, so di non poter più dedicare molto tempo alla squadra, soprattutto ai bambini del settore giovanile”, ha dichiarato l’ormai ex direttore sportivo e responsabile del settore giovanile a InfoMediaNews.

“Posso dire che il calcio a Trasacco è ripartito grazie a me e ai miei due collaboratori. Dopo sette anni prendere una decisione del genere è difficile ma sarebbe stato da egoisti dire “io ci sono ancora””.

Un addio che non sarà di certo un abbandono, quello di Di Salvatore: “Darò il mio contributo anche a livello morale. Chi entrerà avrà il mio appoggio”. La società, in attesa dell’ufficialità per il salto in Promozione, si è già adoperata per cercare la persona più adatta a prendere il posto di Di Salvatore. “Lascio una società in salute, che ha progetti e ambizioni importanti”.

“Ho un rapporto splendido con i giocatori, mi dispiace dispiace lasciare loro e soprattutto i ragazzi del settore giovanile. Molti bambini che hanno iniziato sette anni fa con noi il prossimo anno giocheranno in Promozione e questa una grandissima soddisfazione”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Seconda lezione di Rock al Liceo Scientifico di Avezzano

Domani secondo incontro tematico sulla storia del rock al Liceo "Vitruvio Pollione" della città di ...
Redazione IMN

VIDEO. Avezzano Calcio, è countdown per il Derby: Luca Di Genova lancia la carica

Alice Pagliaroli

LFoundry, incontro al Mise e al Ministero del Lavoro: preoccupazione per il futuro industriale del sito marsicano

Redazione IMN