INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Frazioni Ovindoli: cittadini chiedono autovelox

Gli abitanti di San Potito e Santa Iona chiedono più sicurezza lungo alcuni tratti della SS 696 e della SP 24

I cittadini delle frazioni di Ovindoli chiedono, alle autorità competenti, che vengano istallati autovelox, in alcuni tratti della SS 696 e della SP 24. Secondo gli abitanti di San Potito e Santa Iona, lungo questi tratti, il comportamento scorretto di alcuni automobilisti e motociclisti, rappresenterebbe un vero e proprio pericolo per coloro che si trovano ad attraversare la strada.
Da qui la decisione di scrivere una lettera da sottoporre all’attenzione di: prefetto della provincia dell’Aquila, della Provincia – settore viabilità, del sindaco del Comune di Ovindoli, del comandante della Polizia Stradale di Avezzano, del Comandante della Polizia Locale di Ovindoli e dell’ANAS.

“(…)Le suddette strade sono fonte di elevato rischio per tutti coloro che si accingono ad attraversarla a causa dell’altissima velocità e del comportamento scorretto dei numerosi automobilisti e motociclisti che vi transitano soprattutto nei week-end trasformandola in una vera e propria pista. Sulle stesse sono presenti alcuni incroci con strade comunali/provinciali/poderali e in alcune di esse c’è una non ottimale visibilità per i veicoli che vi transitano in entrata ed uscita. Per questo l’alta velocità, i sorpassi spericolati e le traiettorie delle moto creano disagio, paura e pericolo per noi residenti rendendo le suddette strade pericolosissime. Noi abitanti ci sentiamo infatti continuamente vittime di una situazione deleteria per persone, cose e animali. Le zone in questione fanno infatti parte di tre centri abitati del Comune di Ovindoli e di una frazione ed è quindi necessario introdurre degli elementi che siano in grado di contrastare l’inciviltà e il malcostume di molti motociclisti e automobilisti.
Pertanto, allo scopo di evitare l’investimento di pedoni e ciclisti, e considerata anche la presenza costante di bambini che giocano nelle prossimità delle abitazioni e nelle adiacenze delle strade stesse “invochiamo” a gran voce dei provvedimenti atti a mettere in sicurezza le frazioni abitate succitate. Nella fattispecie chiediamo l’istallazione di strisce di attraversamento pedonale rialzate (un attraversamento all’entrata e uno all’uscita delle varie frazioni – ) e di autovelox fisso in grado di multare chi percorre a velocità elevata.
Non siamo cittadini di “Serie B” e per questo pretendiamo vengano ascoltate anche le nostre esigenze su un problema che persiste da tempo e di cui l’Amministrazione ( …anche quelle precedenti… ) è da sempre informata ma intanto purtroppo lo “scempio quotidiano” continua ad essere impunemente perpetrato.
In caso di mancato intervento noi riterremo responsabile chi di dovere”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

I dolci di Chicarella da Tagliacozzo ad Algeri

La pasticcieria abruzzese approda in Algeria
Redazione IMN

50 milioni per la nuova rete irrigua del Fucino: D’Alfonso presenta il progetto

Redazione IMN

Vaccini, tocca ai soggetti fragili: proroga per personale scolastico

E' la volta degli ultra 80enni, disabili e soggetti fragili. Domenica 28 febbraio sarà chiusa la ...
Redazione IMN