INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Food-Italy: a pranzo si cucina sempre meno, parola di Confcommercio

La FIPE di Confcommercio ha presentato ieri in occasione della propria assemblea nazionale una interessante ricerca sul mondo del food e della ristorazione. Dalla ricerca emerge che rimane molto solido il rapporto fra gli italiani e il cibo come dimostrato dal fatto che il 75% tramanda di generazione in generazione i piatti tipici di famiglia e per il 98% si tratta di ricette che ‘scaldano il cuore’ evocando ricordi ed emozioni. A pranzo si cucina sempre meno, solo un italiano su tre si dedica a questa attività tutti i giorni, mentre il 53% dichiara di cucinare a cena tutti i giorni, ma vorrebbe poter avere più tempo a disposizione. Infatti dalla ricerca emerge che a causa dei ritmi sempre più intensi del vivere quotidiano si cucina e si mangia sempre più in fretta: gli italiani dedicano mediamente 37 minuti al giorno per cucinare in casa e si siedono a tavola per circa mezz’ora. La ricerca analizza poi il rapporto degli italiani con il mondo della ristorazione e evidenzia come i ristoranti siano considerati un importante strumento di salvaguardia dell’identità culturale e alimentare del nostro Paese per l’83,5% degli intervistati.

Mangiare fuori casa diventa anche un’occasione anche per riscoprire il valore del tempo: il ristorante viene vissuto principalmente come luogo dove rilassarsi (per il 38,6%), e il 62,5% di chi pranza o cena fuori casa dichiara di godersi il pasto più di quanto non riesca a farlo tra le mura domestiche. La ricerca dimostra che gli italiani hanno fiducia circa la qualità e la provenienza dei prodotti utilizzati e serviti nei ristoranti come evidenziato dal fatto che per il 76% degli intervistati i ristoranti rispettano la propensione a servire alimenti salutari, di qualità e tenendo conto delle diverse esigenze del consumatore.

Venendo al legame di tipo ‘culturale’ che gli italiani hanno nei confronti del cibo la tradizione batte l’innovazione uno a zero: il 64,4% del campione si definisce ‘conservatore’ nella propria relazione con il cibo, mentre solo il 35,6% è orientato alla sperimentazione. In ogni caso per il 95% degli italiani il cibo e’ uno dei veicoli che fanno emergere e aiutano a tramandare le tradizioni di un popolo.

Ad esempio il pranzo della domenica ha un valore simbolico nell’immaginario collettivo, e il ristorante è un importante strumento di salvaguardia dell’identità culturale e alimentare del nostro popolo per l’83,5% degli intervistati. 

Fonte: Asipress

Foto di: Ristorante Borgo Antico

Altre notizie che potrebbero interessarti

Vacanze romane? No, vacanze luchesi: cosa c’è da fare, cosa c’è da vedere

Gioia Chiostri

Al Teatro dei Marsi per ridere insieme ad Antonio Giuliani

“EDOnare un sorriso” lo spettacolo dell’Associazione Edoardo Marcangeli con il noto attore e ...
Redazione IMN

Comuni: Chieti, finanziato progetto anti violenza

Claudia Ursitti