INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Fondi europei, Lolli: «nessun rischio disimpegno Abruzzo»

«Vorrei lasciare al prossimo governo regionale conti in ordine e un avanzamento della spesa in regola. Esco da un incontro con la struttura ministeriale confortato dal fatto che i dati che abbiamo fornito dimostrano che non c’è alcun rischio di disimpegno dei fondi comunitari». Così il presidente vicario della Regione Abruzzo, Giovanni Lolli, a margine della riunione con la struttura del Ministero per il Sud, dei tecnici dell’Agenzia per la coesione e del Dipartimento per le Politiche di coesione che si è svolto ieri, a Palazzo Silone, a L’Aquila.

 

 

Il Ministro per il Sud, Barbara Lezzi che ieri, per impegni improcrastinabili, non è stata presente all’incontro, sta imprimendo un’accelerazione perché la scadenza del 31 dicembre 2018 è prossima. «Nella giornata odierna – dice Lolli – c’è stata una verifica sullo stato di avanzamento dei programmi. Esco tranquillizzato ma non disarmato perché dobbiamo continuare a lavorare. C’è grandissima attenzione da parte del Ministero ma anche grande disponibilità. Le strutture amministrative devono essere impegnate e mobilitate per il pieno raggiungimento degli obiettivi».

 

 

La Regione Abruzzo, a seguito dei bandi emanati e delle graduatorie approvate, ha elaborato un piano di spesa che avrà la sua piena attuazione in autunno, in linea con le tempistiche imposte dalla Commissione Europea. L’Abruzzo dovrà garantire sul Fse un avanzamento di spesa di 12,8 milioni di euro, pari al 95% del programma di 142 milioni e per il Fesr una spesa di 37,8 milioni pari al 14% del programma di 271 milioni.

 

 

Fonte: Asipress

 

Foto di: Regione Abruzzo

Altre notizie che potrebbero interessarti

Di Cintio: «Ad Avezzano gli abitanti delle periferie sono invisibili»

«Li renderò visibili dando loro la giusta voce»
Redazione IMN

Coronavirus: 32 casi giornalieri nella Marsica

13 contagi ad Avezzano, 6 a Tagliacozzo e 3 a Trasacco
Redazione IMN

L’Aquila, denunciato 50enne per aver violato misura cautelare e rilasciato false generalità

Redazione IMN