INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Flash mob “della neve”: “Turismo bianco vivrà”

Anche Ovindoli aderisce a #PerChiSuonaLaMontagna. Via libera allo sci in zona gialla. Esperti preoccupati per varianti in Abruzzo-Umbria

“Ovindoli c’è! Il turismo bianco, in sicurezza, vivrà“.

Con queste parole il sindaco di Ovindoli e consigliere regionale della Lega, Simone Angelosante, commenta sui social il Flashmob #PerChiSuonaLaMontagna, iniziativa promossa dal Direttore di Sciare Magazine Marco di Marco, per un flash mob “della neve”.

#PerChiSuonaLaMontagna non ha colori politici, vuole rappresentare un segnale di rilancio e il simbolo di una montagna unita e compatta, da nord a sud, da est a ovest.

Intanto è arrivato il via libera alla riapertura degli impianti di sci dal 15 febbraio nelle zone gialle. Ma la possibilità che gli italiani possano tornare a sciare dipenderà da una delle prime scelte alle quali sarà chiamato il nuovo governo di Mario Draghi: revocare, o meno, il divieto di spostamento tra le Regioni.

Decisione sulla quale peserà anche l’andamento della curva epidemiologica, con gli esperti che già parlano di “un’inversione di tendenza” e si dicono preoccupati dell’impatto delle varianti del virus, soprattutto in Abruzzo e Umbria, come riporta l’Ansa.

Il divieto scadrà tra una settimana.

L’indicazione data dai tecnici al governo Conte era quella di proseguire con la misura almeno fino al 5 marzo, quando scadranno gli altri provvedimenti contenuti nel Dpcm. Indicazione arrivata sulla base di un ragionamento: si stanno esaurendo gli effetti delle chiusure natalizie e solo nelle prossime settimane si potranno vedere quelli legati al passaggio di quasi tutta l’Italia in zona gialla.

In presenza di un esecutivo dimissionario e con un nuovo premier incaricato, sottolineano fonti ministeriali, l’attuale governo si occuperà solo degli affari correnti e non deciderà nulla, tantomeno prenderà iniziative per quanto concerne decisioni che vanno ad incidere sulle libertà personali dei cittadini.

Il 15 febbraio sarà il nuovo governo a stabilire il percorso da seguire; in caso invece non dovesse essersi ancora insediato un esecutivo, il provvedimento decadrà.

Il dato certo è che la situazione resta ancora precaria.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Torna ‘Obiettivo Terra’, il concorso di fotografia dedicato ai patrimoni del territorio

Gioia Chiostri

Francavilla, 27enne romeno denunciato trovato in possesso abusivo di armi

Redazione IMN

Don Luigi Maria Epicoco incontra gli studenti di Avezzano

«Qualcuno a cui guardare: per una spiritualità della testimonianza» l'evento al Castello Orsini
Redazione IMN