INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica SLIDE TV

Ex zone rosse, Marsilio annuncia fondi

Oggi, il governatore dell'Abruzzo in visita nelle ex zone rosse dell'emergenza Covid. Con lui, anche l'assessore Verì, il presidente del Consiglio Sospiri e i consiglieri regionali D'Incecco, Testa e De Renzis.

Il Presidente Marco Marsilio ha visitato questa mattina le ex zone rosse di Penne e Farindola.

Entrambi i Comuni, durante l’emergenza sanitaria, hanno subito le restrizioni per 26 giorni consecutivi al fine di evitare la diffusione del virus sul territorio pescarese. Il Presidente Marsilio ha incontrato i sindaci Mario Semproni (Penne) e Ilario Lacchetta (Farindola).

In occasione dell’incontro avvenuto nel municipio di Penne – il Comune abruzzese più grande dichiarato zona rossa – oltre a Marsilio, erano presenti l’assessore alla sanità Nicoletta Verì, il Presidente del Consiglio regionale Lorenzo Sospiri e i consiglieri regionali Vincenzo D’Incecco, Guerino Testa e Luca De Renzis.

A Penne si è parlato soprattutto di sanità. «Dopo anni di attesa abbiamo sbloccato i fondi per il presidio ospedaliero San Massimo rimasti chiusi nei cassetti dei ministeri – ha esordito il Presidente Marco Marsilio -. I fondi serviranno a ristrutturare l’edificio, a migliorare simicamente la struttura ospedaliera e per acquistare le nuove apparecchiature per la diagnostica. Nei prossimi giorni firmeremo la convenzione con il Ministero della Sanità per l’erogazione del finanziamento di circa 12 milioni di euro. Aggiungo, inoltre, che la sanità abruzzese ha ottenuto la certificazione dal Tavolo di monitoraggio, proprio ieri, dopo aver raggiunto l’equilibrio finanziario dei conti 2019 della sanità regionale e centrato gli obiettivi fissati per l’anno 2018, certificazioni – ha osservato ancora Marsilio – che consentiranno di ottenere le premialità che saranno utilizzate esclusivamente per il potenziamento della nostra rete ospedaliera come nel caso del presidio ospedaliero di Penne». Il Presidente Marco Marsilio, si è soffermato, poi, sulla gestione dei ristori relativa alle ex zone rosse abruzzesi, escluse dal Decreto “Rilancio”.

«Il Governo nazionale non ha inserito, nell’ultimo decreto, i fondi per i Comuni dichiarati zone rosse – ha aggiunto Marsilio – e pertanto abbiamo dovuto supplire noi con interventi mirati e misure specifiche per il tessuto produttivo, nonostante le difficoltà finanziarie delle Regioni dovute alla contrazione delle entrate. Nelle nostre due leggi regionali, l’ultima delle quali approvata pochi giorni fa, abbiamo previsto un contributo a fondo perduto per le imprese delle ex zone rosse, cumulabile con altre misure, e soprattutto un sostegno economico a favore dei Comuni per le spese legate all’emergenza sanitaria. La Regione sta facendo la sua parte – ha concluso – e spero che il Governo nazionale dia anche il suo contributo per questi territorio feriti».

Oggi pomeriggio, alle 17, il presidente Marsilio sarà a Bussi dove incontrerà il sindaco del paese della Val Pescara.

Altre notizie che potrebbero interessarti

A Tavola con Bea: spaghetti alla chitarra con gamberi e zucchine

La ricetta di questo venerdì prevede un bel piatto di pasta semplice, ma gustoso. Un piatto veloce ...
Redazione IMN

VIDEO. Guardie ecozoofile: «Ripartire dal lavoro di Bielli», è Matteo Tudico il nuovo Coordinatore Provinciale

Kristin Santucci

Nove anni fa il sisma dell’Aquila, Di Pangrazio: «L’Abruzzo del domani preparato alla sfida del terremoto»

Redazione IMN