INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Esplosione Casalbordino: fabbrica non nuova ad incidenti

Tre le vittime di 45, 46 e 54 anni

Tre vittime in un’azienda, non nuova ad incidenti gravi, dove vengono trattati residuati bellici. Sono morti oggi a Casalbordino, in provincia di Chieti, per una tremenda esplosione che sarebbe avvenuta intorno all’altoforno: erano in corso operazioni ordinarie quando sarebbe accaduto qualcosa che ha provocato l’esplosione mentre gli operai stavano smaltendo delle polveri.

Avevano 45, 46 e 54 anni, e venivano dai paesi dei dintorni. Il grave incidente si è verificato dopo pranzo presso la Esplodenti Sabino, storica azienda da oltre 70 dipendenti che cura, recupera e tratta polvere pirica derivata da bonifiche di ordigni bellici e che ha rapporti in tutta Italia. Ferrovia e statale 16 Adriatica bloccata per ore, evacuazioni, zona rossa in attesa delle necessarie bonifiche da parte dei vigili del fuoco e degli esperti del settore. Vista la tremenda deflagrazione si era temuto un bilancio ancora peggiore, tanto che dagli ospedali della zona erano state inviate ambulanze ed elicotteri, ma non risultano feriti. Dopo poco è stata indetta una riunione dalla Prefettura di Chieti con tutti i vertici della sicurezza provinciale: il luogo dell’incidente con tutta probabilità ricade sotto le norme della Legge Seveso 3, che ne fa obiettivo sensibile e di particolare delicatezza. La Procura di Vasto intanto si è già attivata per aprire un fascicolo sull’accaduto, perchè sarà di particolare interesse capire esattamente cosa sia successo.

Le salme saranno traslate solo domani, dopo che i vigili del fuoco potranno dare il via agli artificieri per l’ingresso nella zona. Il sindaco ha affermato che “siamo distrutti anche perché parliamo di una azienda che fa della sicurezza il punto principe ma che purtroppo ha anche l’incidente dietro l’angolo. Parliamo di una fabbrica grande in venti ettari di terreno e dunque vasta, e con un’ alta incidenza di pericolosità.

Per quanto di conforto tutte le precauzioni sono scattate subito dopo l’incidente”. Morti, esplosioni e feriti alla Esplodenti non sono mancati negli ultimi decenni: nel 1993 alcuni dirigenti furono arrestati dalla Gdf per traffico di esplosivi, un operaio morì nel 1992, due i feriti gravi nel 2009 e nel 2015 nella sede di Noceto (Parma) altri due operai subirono fratture e ferite gravi a seguito di una nuova esplosione. Il tragico bilancio dei morti per esplosivo in Abruzzo si allunga quindi: negli ultimi 28 anni sono 21 le vittime di aziende del comparto dei fuochi d’artificio o del riciclo di esplosivo. Tra queste spicca il nome di Maurizio Berardinucci, eroico vigile del fuoco morto per le ferite dopo mesi dallo scoppio di Cipressi di Città S.Angelo dove nella fabbrica di fuochi d’artificio morirono in 4. Al suo nome è stata intitolata la caserma del Corpo a Pescara. Cordoglio per l’incidente è stato espresso dal presidente della regione Abruzzo, Marco Marsilio, che ha lasciato i lavori del Consiglio all’Aquila per raggiungere il luogo dell’esplosione, e dal sottosegretario alla presidenza del consiglio Gianluca Castaldi, del Movimento 5 Stelle. “Un sincero abbraccio alle famiglie delle vittime”, ha poi scritto su Twitter il sottosegretario al Ministero dell’Interno, Carlo Sibilia.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Tenta di rubare due valigette da un’auto, arrestato 24enne

Redazione IMN

Agenzie culturali Avezzano e Sulmona: “Nessuna chiusura ma rideterminazione”

Nuovo assetto per il Dipartimento e per i responsabili delle posizioni organizzative. "Paradossale ...
Redazione IMN

Scamolla, no a privatizzazione Trasporto Pubblico Locale Marsica

“E’ inaccettabile risparmiare sulle tratte TPL”
Redazione IMN