INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica

Emergenza Incendi: Confagricoltura dice no al “rimboschimento-lampo”

Competenza e razionalità sono i principi guida da seguire, secondo Confagricoltura Abruzzo, per tutelare il patrimonio e limitare i danni delle devastazioni causate dai roghi. In una nota, Concezio Gasbarro spiega: «L’emergenza incendi, che ancora oggi insiste sull’Abruzzo, senza ombra di dubbio rappresenta una grave minaccia per gli ecosistemi naturali, con impatti disastrosi sull’ambiente ma anche sull’economia e sugli aspetti sanitari, tanto da mobilitare sensazioni emozionali nell’opinione pubblica a cui però le istituzioni non possono rispondere con altrettanta partecipazione emotiva.

Il fenomeno và governato, e “a fiamme spente” con la logica della razionalità e della conoscenza scientifica delle dinamiche post-incendio, sarà bene non lasciarsi coinvolgere dal traino delle trepidazioni interventiste,  purtroppo ben più necessarie ma mancate totalmente  in fase preventiva, e assecondare la natura con interventi di ricostituzione selvicolturale in pieno rispetto delle strategie rigenerative della vegetazione, e tra questi il rimboschimento è da escludersi sia per aspetti eco sistemici e tecnico – scientifici ma ancor di più per quelli socio – economici e ovviamente legali.

Il recupero dei soprassuoli forestali interessati dal passaggio del fuoco può infatti avvenire per via naturale, eventualmente agevolata dall’intervento antropico ma nel pieno rispetto delle strategie rigenerative delle specie arboree, e sempre orientata a favorire i meccanismi di rinnovazione connaturati all’ autonoma ricostituzione vegetazionale.

Meglio ancora se l’azione dell’uomo fosse dedicata, dove necessario, a limitare con micro interventi di sistemazione dei versanti i fenomeni di ruscellamento e di erosione eventualmente attivati per la momentanea assenza di copertura del suolo.

Il passaggio del fuoco è sempre un elemento di disturbo dell’ecosistema ma lo stesso vi risponde rapidamente con la tendenza a ritornare allo stato precedente all’evento, ed è quindi opportuno che con gli interventi antropici si accompagni l’evoluzione delle biocenosi coinvolte evitando di tradurne gli effetti in iniziative prive di alcun significato ambientale.

Bene farebbe la regione ad inserire azioni di ripristino ma solo se parte di un contesto di pianificazione degli interventi che preveda la migliore relazione operativa e funzionale alla realtà territoriale di riferimento.

Se poi ci sono le risorse utilizziamole per le opere di prevenzione, ormai assenti da almeno trenta anni dai boschi abruzzesi a maggior pericolo d’incendio».

 

Fonte: Confagricoltura Abruzzo

Foto: Agricoltura Oggi

Altre notizie che potrebbero interessarti

Volontari in azione a Cese di Avezzano per dire basta alle discariche abusive e ai rifiuti abbandonati

Gioia Chiostri

Giovagnorio versus Montelisciani: «Le mozioni presentate da ‘Tagliacozzo Unita’ sono un intralcio all’attività amministrativa»

Redazione IMN

Va a fuoco un tetto a Scurcola Marsicana: evitato il peggio per due anziani

Redazione IMN