INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS Politica PRIMA PAGINA SLIDE TV

Avezzano, Eligi: non abbattete i platani e i tigli di piazza del Mercato

La posizione del consigliere M5S chiama in causa il vice sindaco Crescenzo Presutti

AVEZZANO – Il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle Francesco Eligi chiede più attenzione alle questioni ambientali in città e una variante al progetto di piazza del Mercato che eviti l’abbattimento dei tre grandi platani e dei quattro tigli:

«La prossima settimana partirà l’abbattimento degli alberi di piazza del Mercato. Nell’ottica delle “grandi opere” dell’amministrazione ciò si rende necessario per il rifacimento della piazza (circa 600mila euro di danaro pubblico).

Gli alberi verranno poi rimpiazzati da otto o nove alberelli del tipo prunus, unica pianta che sembra piacere agli attuali politici avezzanesi.

In un’epoca dove l’attenzione all’ambiente è sempre più pregnante per la Società, fa specie che alberi di tale mole debbano soccombere perché così si vuole in Municipio».

Quindi l’affondo di Eligi nei confronti del vice sindaco Crescenzo Presutti: «Assurda è anche la vicenda che vede co-fautore di questo scempio al patrimonio arboreo della Città l’assessore Presutti, che solo 2 anni fa (13/04/2017), all’indomani dell’abbattimento dei tigli di via Napoli, fece uscire un suo articolo come candidato alle comunali, dicendo che la scelta degli abbattimenti per questioni di radici era superata e che esistevano altre soluzioni, ed ancora, “a molte persone poco o nulla interessa di un essere vivente”.

Verrebbe da chiedere al “buon” Presutti se il suo pensiero di allora, sia anch’essa una “scelta”, o meglio un’idea “superata” e perché da amministratore non ha applicato ciò che sosteneva fino a ieri».

Altre notizie che potrebbero interessarti

VIDEO. Avezzano: motori accesi ed auto pronte sulla linea di partenza del Circuito

Redazione IMN

Abruzzo Open Day Summer, mille presenze nel primo week end alla riscoperta dei tesori locali

Redazione IMN

L’Aquila, Accademia Belle Arti: Paolo Mieli inaugura il nuovo anno accademico

Redazione IMN