INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica PRIMA PAGINA SLIDE TV

Elezioni Avezzano, Giffi: “No a fughe in avanti”

Il coordinatore cittadino di FI: "Non trascurabile parte della società civile che sollecita De Angelis a scendere in campo per continuare il percorso interrotto"

“Forza Italia si compiace della ritrovata unità del centro destra che, appena ieri, ha diramato la nota congiunta dei leader nazionali con la quale si dà atto di aver individuato la squadra migliore per vincere le elezioni nelle Regioni che andranno al voto a settembre”. Questo quanto scritto in una nota a firma del coordinatore di Forza Italia Avezzano, Aureliano Giffi.

“Ugualmente prende atto – continua Giffi – delle istanze provenienti da una non trascurabile parte della società civile che sollecita il nostro coordinatore provinciale, Gabriele De Angelis, a scendere in campo per continuare il percorso interrotto dalle note vicende scaturite dal fenomeno dell’anatra zoppa.
Ispirandosi all’esempio proveniente dai leaders della coalizione di centro destra, Forza Italia sollecita i partiti alleati del territorio ad aprire un sereno confronto affinché si possa individuare una figura adeguata per la guida della Città, non solo tenendo presente del dovere della politica di farsi carico e sintetizzare le istanze provenienti dalla società civile ma altresì cercando di evitare spaccature e frazionamenti che non portano beneficio alcuno, Chieti docet.
Pertanto, ancora una volta, scoraggiamo le fughe in avanti di alcuni alleati che invece invitiamo a raccordarsi con le altre forze politiche del centro destra, Forza Italia inclusa, il cui Sindaco con un larghissimo consenso aveva condotto la Città ad essere amministrata dal centro destra”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Sanità: adempimenti Lea 2014, la regione Abruzzo ottiene lo sblocco di 70 milioni

Redazione IMN

Testa sulle spalle e piedi in cammino: il progetto ‘Piedibus’ è tra noi, una classe della scuola Don Bosco fa lezione ai grandi

Redazione IMN

VIDEO. 50 milioni di euro per il Fucino del domani: dalla siccità ad una struttura indispensabile

Gioia Chiostri