INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

‘E…state nella Riserva’: il meglio della biodiversità a portata di mano per tutti i bambini

Prosegue la ricerca delle specie più ‘timide’ che si nascondono in tutti gli angoli di questo paradiso ambientale, ovvero, nel cuore dell’oasi protetta del Salviano: un ottimo stimolo per far addentrare sempre più bambini nel mondo della natura. “E…state nella Riserva”, infatti, manda avanti, senza soluzione di continuità  la programmazione del calendario estivo, voluto ed ideato  da Ambiente e/è Vita, in stretta sinergia con l’Amministrazione Comunale,  che nelle giornate del 31 Agosto e  del 1° settembre  propone due laboratori, uno didattico e l’altro teatrale, ambedue incentrati sulla trattazione di temi naturalistici  e sul connubio Uomo e Ambiente.

Si parte il 31 di Agosto con l’iniziativa: “Le Erbe del Salviano”, nel corso della quale gli operatori del CEA guideranno i piccoli visitatori attraverso i sentieri della Riserva alla scoperta delle oltre 500 specie floristico – forestali che impreziosiscono il patrimonio di biodiversità che insiste sull’area protetta.

La sessione  didattica, nell’aula all’aperto del Salviano, consentirà ai più giovani di “prendere coscienza del variegato habitat presente sul Loro territorio e dell’importanza di quest’ultimo nel mantenimento dell’ecosistema”.

Le lezioni, destinate ai bambini dai 6 ai 12 anni,  avranno una durata di tre ore – dalle ore 9 alle ore 12 – e  si svolgeranno attraverso sessioni teoriche e pratiche, con l’osservazione delle specie in situ e la loro classificazione.

Il secondo degli appuntamenti è invece fissato per il 1° settembre, dalle 9 alle 12, e nasce da una collaborazione di “Ambiente e /è Vita”  con l’ Associazione “Il Volo del Coleottero”, che propone un laboratorio teatrale e musicale rivolto ai bambini ed ai ragazzi compresi in una fascia di età fra i 6 ed i 12 anni.

“L’evento si sostanzierà in un connubio fra musica-teatro- ambiente capace di stimolare l’attenzione dei più piccoli sia all’arte  sia alle bellezze naturalistiche che fanno da sfondo all’iniziativa”, ha affermato la coordinatrice delle attività della Riserva, Brunella D’Alessandro, “Si tratta di due incontri particolarmente qualificati che si inseriscono perfettamente nel solco delle attività educative che il CEA  della Riserva sviluppa nel corso dell’anno formativo presso le scuole di ogni ordine e grado”.riserva

“Il laboratorio “Le erbe del Salviano” – continua la Coordinatrice – è la naturale prosecuzione della mostra permanente presso la Casa del Pellegrino, nella quale sono esposte 300 delle oltre 700 specie floreali  già classificate. La Riserva è in realtà un vero e proprio orto botanico diffuso che utilizziamo quale aula decentrata per formare ed informare le nuove generazioni.

“Il secondo degli eventi in parola – ha dichiarato nel concludere la dott.ssa D’Alessandro – verrà invece svolto in sinergia con l’Associazione “il Volo del Coleottero” che da anni collabora con Ambiente e/è Vita e che elabora in forma musicale e teatrale una rilettura del rapporto fra uomo e natura. Desidero ricordare che per questa iniziativa è necessaria la prenotazione e che si dovrà versare una piccola quota di iscrizione”.

Far dedicare i bambini, sin da subito, alle questioni che riguardano la natura, è un bene prezioso. Far comprendere qual è l’atteggiamento giusto con cui ci si deve porre dinanzi a ciò che la terra ci ha donato, è altrettanto necessario. I bambini hanno, così, la possibilità di divertirsi ma, al tempo stesso, di incamerare qual è il giusto metodo per il corretto mantenimento dell’ecosistema.

 

Per informazioni e adesioni ai laboratori:

Le erbe del Monte Salviano: 0863/501249 – 328/2841507

Estate 2016 – laboratorio teatrale e musicale: 349/6057192

 

Altre notizie che potrebbero interessarti

“Freedom” torna a parlare dell’Abruzzo

Mercoledì 29 maggio andrà in onda su rete4
Redazione IMN

Transiberiana d’Italia: arriva l’idea per favorire l’accesso agli impianti dell’Alto Sangro

Redazione IMN

VIDEO. Rincaro pedaggi A24 e A25, intervista a Ramadori: «Colpa dei blocchi ministeriali triennali»

Gioia Chiostri