INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS

E’ ancora braccio di ferro fra la Santa Croce e la Regione Abruzzo: arrivano due note di diffida

Con due distinte note di diffida, la società Santa Croce, proprietaria dello stabilimento di Canistro e dell’omonimo marchio di acqua minerale, ha intimato alla Regione di sbloccare due questioni sulle quali da mesi l’ente non si pronuncia «causando lo stallo dell’attività, il licenziamento dei lavoratori, ingenti danni all’impresa e anche all’erario e ai cittadini perché l’acqua finisce nel fiume».

In una si reitera la richiesta di concedere la possibilità di captare acqua dalla sorgente Santa Croce Fiuggino, di cui la società dell’imprenditore molisano Camillo Colella detiene la concessione fino all’ottobre prossimo, non utilizzata finora perché, fino a qualche mese fa, era titolare della concessione della sorgente Sponga, che ha una portata superiore, alla quale sono stati messi i sigilli al culmine di un duro braccio di ferro tra le parti, nella seconda diffida, la società per azioni chiede la restituzione dei circa 8 milioni di litri di acqua imbottigliata e sei serbatoi di accumulo di acqua, bloccati nello stabilimento da un sequestro amministrativo risalente a inizio novembre, firmato da dirigente regionale del servizio Risorse del territorio e attività estrattive della Regione Abruzzo, con la motivazione che quell’acqua era stata captata dopo la revoca della concessione.

Fonte: Asipress

Foto di: isNews

Altre notizie che potrebbero interessarti

Picchia e minaccia di morte l’ex compagna: arrestato dalla Polizia giovane aquilano

Redazione IMN

Viabilità: chiusura notturna sull’A25 dello svincolo Aielli-Celano per lavori di manutenzione

Redazione IMN

VIDEO. Civita d’Antino inquadra paesaggi: torna il meeting artistico

Gioia Chiostri