INFO MEDIA NEWS
NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV Sociale

Domani Trasacco si tinge di scopo sociale: Famiglie Sma in piazza per un Natale ancora più buono

Si conta e si segna sul calendario delle feste, per questo 2018, col pennarello rosso vermiglio, un altro Natale da trascorrere in compagnia, anche nella Marsica. Sotto l’albero di quest’anno, però, anzi appeso a mo’ di ornamento, come si suol fare, potrebbe esserci una novità in più, se saremo tutti più buoni per davvero e non solo a parole: ossia la pallina natalizia speciale di Famiglie Sma; un oggetto piccolissimo, ma dalle grandi ambizioni solidali. Sarà la famiglia di Claudio, bimbo trasaccano di appena 5 anni e mezzo, guerriero dalla nascita contro l’atrofia muscolare spinale, a contare i minuti che separano i giorni dalla Vigilia, a Trasacco. Domani, in piazza Matteotti, infatti, a partire dalle ore 9 del mattino, incomincerà la corsa alla beneficenza, attraverso la vendita sociale di palline di Natale.

A parlare è il papà, Mario Frassini Pisotta: «Questo è il terzo anno consecutivo che diamo vita alla raccolta fondi solidale di Natale, come gadget offriamo, quest’anno, delle palline natalizie al costo di 5 euro ognuna, anche se poi l’offerta è libera. Come sempre – dice – si aiuta, si cerca di dare una mano alla ricerca, che è la vera formula di felicità di questo mondo e del nostro mondo, soprattutto». Famiglie Sma ogni anno, di fatti, promuove e mette in campo vendite benefiche, utili ai fini di una raccolta fondi. «Quindi decorate l’albero di Natale del 2018-2019 con le nostre palline, per me sono le palline più belle del mondo!», sorride.

48098290_1086823254812408_4295729682759811072_n«Oramai siamo a buon punto – afferma ancora il papà di Claudio – il primo passo verso Spinraza lo abbiamo fatto. (si tratta, in assoluto, del primo farmaco approvato nell’Ue per la SMA ed è stato autorizzato proprio nell’ambito del programma di valutazione accelerata dell’Agenzia Europea per i Medicinali Ndr). La terapia è stata intrapresa. Andiamo avanti sulla nostra strada per la ricerca, cercando, ovviamente, di fare anche secondi e terzi passi. Non è facile, però – ammette Mario  ma nulla è impossibile». Arrivare fino a questo punto, per una giovane famiglia come quella di Claudio, ha significato il fatto di potersi permettere anche il lusso di un respiro a pieni polmoni, al posto del solito sospiro preoccupato: ossia abbandonare di poco l’ansia e godersi, magari, una giornata di sole, una notte di luna e, perché no, un Natale più fortunato. «Trasacco – aggiunge Mario – ci ha dato sempre un forte riscontro rispetto alle nostre raccolte fondi. Non ci ha mai lasciato da soli in tutti questi anni. Sono piuttosto i trasaccani, infatti, che vengono a chiedere delle nostre iniziative», dice. E allora, domani tutti ad ornare i propri abeti verdi con le palline speciali di Famiglie Sma.

«Con la terapia, sotto il farmaco di Spinraza, siamo a buon livello: ai primi giorni di novembre – specifica, infine, Mario – abbiamo dato seguito al sesto ciclo d’infusione. Claudio reagisce sempre bene, ogni volta, a livello muscolare; ha riacquistato già capacità motorie che aveva praticamente perduto nel corso del tempo e del procedere della malattia, come, ad esempio, le capacità degli arti superiori: Claudio, adesso, maneggia meglio oggetti come il telecomando o l’IPad. Anche da seduto, ha raggiunto la sua stabilità, riuscendo a scendere dal divano da solo».

E quando tuo figlio, nonostante questa vita e questa via difficili intraprese per destino, ti accenna un sorriso gigantesco, aggiungendo: «Papà, guarda come sono forte», sferrandoti poi un bel pugno minuscolo contro una spalla a testimonianza della forza, la magia del Natale diventa davvero imparagonabile.

 

 

Altre notizie che potrebbero interessarti

Regione Abruzzo: 1 milione di euro per garantire continuità ai Centri per l’impiego

Redazione IMN

Beccato con 19 piantine di marijuana in casa, denunciato 33enne

Gioia Chiostri

L’Aquila, in arrivo la Carta d’Identità elettronica

Redazione IMN