INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Di Pangrazio ‘cicerone’ a Bruxelles

Un’occasione straordinaria per i sindaci, gli amministratori e associazioni del territorio marsicano che, accompagnati dal presidente del Consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio, si sono recati a Bruxelles per comprendere appieno il ruolo decisivo che l’Europa riveste nella programmazione dello sviluppo socio-economico in ambito locale. Il viaggio istituzionale promosso dai due eurodeputati David Sassoli e Massimo Paolucci ha fornito ai partecipanti informazioni e chiarimenti in merito ai meccanismi della macchina decisionale europea e, soprattutto, riguardo i finanziamenti diretti con riferimento alle particolari esigenze delle amministrazioni locali.

«Conoscere più da vicino il Parlamento europeo e più in generale il funzionamento delle istituzioni europee per portare più Europa, e con essa risorse e sviluppo, nel nostro territorio è molto importante – dichiara il presidente Giuseppe Di Pangrazio – soprattutto se si tiene conto dei riflessi che le decisioni prese a Bruxelles hanno sui nostri territori. Sono convinto – conclude Di Pangrazio – che sia compito delle amministrazioni locali costruire, e da esso trarre beneficio per i propri territori, un serio rapporto di vicinanza e collaborazione con il contesto europeo. Ringrazio gli eurodeputati David Sassoli e Massimo Paolucci per la preziosa occasione che hanno offerto al nostro territorio e i rappresentanti marsicani per l’attenta partecipazione all’iniziativa».

Il presidente Di Pangrazio che a Bruxelles ha partecipato agli Openday e ai lavori della Plenaria della Conferenza delle Regioni ha colto l’occasione per accompagnare la delegazione marsicana a visitare la sede istituzionale della Regione Abruzzo di Bruxelles.

Altre notizie che potrebbero interessarti

A Collelongo gli orsi sono ghiotti di carote

Redazione IMN

Capistrello, domani la prima amichevole estiva contro il Fondi: in campo anche Christian Maldini

Alice Pagliaroli

S. Croce: niente tributi al comune di Canistro

La commissione tributaria dà ragione a Colella
Redazione IMN