INFO MEDIA NEWS
NEWS Sport

D’Amico arriva a Canistro: «Più carico e motivato che mai»

Vagabondo del gol, Simone D’Amico, che per il terzo anno consecutivo cambia casacca e si accasa a Canistro. Si lascia alle spalle una stagione dai sentimenti contrastanti: la delusione per la sconfitta ai Play Off del suo Pero dei Santi è stata affievolita solo dalla conquista del trofeo di miglior marcatore del campionato, grazie alle sue 17 reti. Ora D’Amico volta pagina e segue i suoi compagni Luca Petricca e Brian Zuccari, andando alla corte di Giacomo Cesareo. Porterà con sé un’esperienza decennale, doti di leader del reparto offensivo e ‘piedi educatissimi’ che spiegano il perché del suo ricco curriculum.

Svela i retroscena del suo acquisto D’Amico, che oltre alle motivazioni tecniche lasciano spazio anche al fattore umano: «Giancarlo Fontana è stato mio compagno a Canistro 13 anni fa, e ancora c’è un rapporto di amicizia tra noi. Ha espresso alla società e al mister la voglia di avermi di nuovo in squadra con lui, e fortunatamente tutti hanno accolto positivamente il suo suggerimento». Uomo di spogliatoio e di poche parole, il fantasista non ha dubbi sull’ambiente del Canistro. «Troverò una società preparata per affrontare un campionato duro, come quello che ci aspetta dal prossimo settembre – ha commentato D’Amico, che ha aggiunto – l’obiettivo ad oggi deve essere la salvezza, abbiamo i mezzi e le capacità tecniche per far bene ma dobbiamo essere umili e remare tutti insieme per dare il massimo. Sono sicuro che ci riusciremo».

Una stagione densa di significati, la prossima, per il neo acquisto biancorosso: la carta d’identità infatti segna ormai 30 alla casella degli anni, un giro di boa fisico e psicologico per ogni ex ragazzino che calchi ancora i campi di calcio. «Parto più carico e motivato rispetto agli anni passati. Voglio confermare quanto di buono fatto la scorsa stagione e prendermi le mie rivincite per le sconfitte degli ultimi due anni – ha spiegato l’ex Pero dei Santi, che, imbeccato da una domanda sulla sua posizione preferita in campo e su un’eventuale ‘dritta’ da dare a Cesareo, non si è nascosto – So di essere stato preso per ricoprire il ruolo di esterno d’attacco, ma mi vedo bene a giocare tra i reparti, facendo da raccordo tra centrocampo ed attacco, per creare occasioni e mettere i miei compagni nelle condizioni di segnare il più possibile». (l.s.)

 

Foto: Fcd Canistro

Altre notizie che potrebbero interessarti

VIDEO. Abruzzo: ecco la navetta bus che connetterà la capitale con i comuni del Parco Nazionale

Gioia Chiostri

270mila euro per aiutare le aziende di Avezzano: si può ripartire

Un plauso viene esteso dalle Associazioni di categoria anche alle altre Amministrazioni Comunali ...
Redazione IMN

Il Giro d’Italia torna in Abruzzo

Ufficiale la tappa tutta abruzzese da San Salvo a Tortoreto Lido del 19 maggio 2020
Redazione IMN