Spazio Pubblicitario

INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Dal G.E.M.A. torna il patentino per raccogliere i funghi

Raccogliere i funghi non è un semplice passatempo: secondo le norme regionali è necessario essere forniti del relativo patentino che autorizzi alla pratica.

La Sezione Marsicana del G.E.M.A. (Gruppo Ecologico Micologico Abruzzese) organizza i corsi di formazione micologica. L’iniziativa è finalizzata al rilascio dell’autorizzazione (patentino) per poter praticare la raccolta dei funghi epigei in Abruzzo, come previsto dalla vigente legge regionale.

Nell’ambito del corso saranno tenute apposite lezioni per conseguire l’attestato valido per il rinnovo del patentino a scadenza quinquennale.

I responsabili della Sezione, nel segnalare la severità delle sanzioni per coloro che venissero trovati ad esercitare la raccolta senza la prescritta autorizzazione, avvisano tutti gli appassionati che sono aperte le iscrizioni per il prossimo corso che inizierà lunedì 17 ottobre, che avrà una durata di ventiquattro ore, da svolgere con cadenza trisettimanale, dalle 18,00 alle 20,00 presso la loro sede.

Una piccola formazione sulla raccolta dei funghi non potrà nuocere ad alcuno: si potrà apprendere, infatti, qualche trucco del mestiere ed imparare nuovi metodi che agevolino nel riconoscimento dei funghi commestibili. Così, una volta muniti di patentino, si potranno perlustrare i boschi alla ricerca di un cibo particolarmente prelibato per i palati più raffinati.

Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere nelle ore pomeridiane (18,00 – 19,30) nella sede sociale di Avezzano, in via M. Buonarroti, 10 o telefonando ai numeri 0863 23223 – 3392850811 o tramite e-mail: mico@gemabruzzo.it.

Foto di: www.ansa.it

 

 

 

Altre notizie che potrebbero interessarti

Capistrello: divampa un grave incendio, raggiunto anche il centro abitato

Redazione IMN

Dà fuoco alla casa e getta elettrodomestici in strada per fare un dispetto alla moglie, arrestato 54enne

Gioia Chiostri

Con il progetto ‘Insieme per un mondo migliore’ della Segen, mille studenti coinvolti

Redazione IMN