INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Covid, l’Istituto Zooprofilattico di Teramo ha “ruolo chiave”

"Un riconoscimento che arriva anche dalla parte del Nord Italia: l’Istituto teramano ha stretto un accordo con l’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo per collaborare all’analisi di una parte dei tamponi dei pazienti sospetti Covid".

Il consigliere regionale e capogruppo Lega, Pietro Quaresimale, intende sottolineare l’indispensabile apporto dato alla gestione dell’emergenza Covid-19 in Abruzzo dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale (IZS) di Teramo.

“Il centro di eccellenza teramano – dichiara Quaresimale – ha svolto un ruolo decisivo per la comprensione del livello di penetrazione del virus. Nonostante i laboratori dell’IZS siano stati autorizzati più tardi rispetto a quelli di Pescara e Chieti, la qualità delle analisi e la velocità di elaborazione dei risultati, hanno permesso di lavorare fino ad oggi più della metà dei tamponi analizzati in tutta la Regione. Un riconoscimento che arriva anche dalla parte del Nord Italia più colpita dalla pandemia, infatti, l’Istituto ha stretto un accordo con l’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo per collaborare all’analisi di una parte dei tamponi dei pazienti sospetti Covid di quel territorio”.

“Un ringraziamento va innanzitutto agli operatori – scrive il capogruppo Lega – Ho letto testimonianze di ricercatori ed analisti fieri di contribuire in maniera tanto efficace alla lotta al Coronavirus, senza risparmiarsi in termini di tempo e sacrificio. Credo che il valore umano unito a quello professionale faccia la differenza in questi casi. Naturalmente il merito va anche a chi ha guidato l’Istituto in questa fase, il direttore Nicola D’Alterio, che ha saputo cogliere la nuova sfida e messo in atto in pochissimo tempo tutte le misure utili ad attivare i laboratori IZS per far fronte alla numerosissima richiesta di analisi delle ASL abruzzesi”. “Non è ancora il momento di tirare le somme finali, – sottolinea Quaresimale – ma di sicuro oggi il sistema sanitario e scientifico abruzzese sta dando prova di grande valore e preparazione. Sono onorato di essere tra quelli che hanno creduto sin dal primo giorno nelle potenzialità dell’Istituto “Caporale” – dichiara infine il consigliere – e grazie a un lavoro sinergico tra politica e professionisti della sanità e della ricerca, sono stati ottenuti importanti risultati che segnano una via precisa per il futuro dell’Abruzzo”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Pescara: seconda edizione del “Tour della salute”

4-5 maggio al Porto Turistico Marina.
Redazione IMN

Runner marsicana raccoglie fondi per un’associazione che aiuta donne senzatetto

Redazione IMN

VIDEO. Controlli nell’aeroporto d’Abruzzo

La Croce Rossa regionale impiega 40 volontari formati.
Redazione IMN