INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

Covid Italia, report Iss: cala incidenza

Nessuna regione a rischio alto

Covid in Italia, resta stabile a 0,96 l’indice Rt mentre l’incidenza cala da 559 a 458 casi su centomila abitanti.

L’occupazione delle terapie intensive scende inoltre al 3,4%, quella delle aree mediche scende al 12,6%, mentre nessuna regione è classificata a rischio alto.

Questi i dati principali contenuti nell’ultimo report settimanale dell’Istituto superiore di sanità (Iss), in base al monitoraggio Covid-19 della Cabina di regia ministero della Salute e Iss.

“Nel periodo 20 aprile-3 maggio 2022, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,96 (range 0,89-1,01), sostanzialmente stabile rispetto alla settimana precedente. L’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero è al di sotto della soglia epidemica e in calo rispetto alla settimana precedente: Rt 0,84 (0,82-0,87) al 3 maggio vs Rt=0,91 (0,88-0,94) al 26 aprile”.

Scende inoltre l’incidenza settimanale a livello nazionale: “458 ogni 100.000 abitanti (6-12 maggio 2022) vs 559 ogni 100.000 abitanti (29 aprile-5 maggio)”.

La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è stabile (13% vs 12% la scorsa settimana). Anche la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi rimane sostanzialmente stabile (43% vs 42%), come anche la percentuale dei casi diagnosticati attraverso attività di screening (44% vs 46%)”.

TERAPIE INTENSIVE, SCENDE TASSO OCCUPAZIONE

“Il tasso di occupazione in terapia intensiva scende al 3,4% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 12 maggio) vs il 3,7% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 5 maggio)”. Nello stesso periodo, “il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale scende al 12,6% vs il 14,5%”, riferisce l’Istituto superiore di sanità.

NESSUNA REGIONE A RISCHIO ALTO

“Nessuna regione/provincia autonoma classificata a rischio alto. Tre regioni sono classificate a rischio moderato, di cui due per molteplici allerte di resilienza; le restanti regioni/pa sono classificate a rischio basso secondo il Dm del 30 aprile 2020. Tredici regioni/pa riportano almeno una singola allerta di resilienza. Due regioni riportano molteplici allerte di resilienza”, si legge nel report.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Avezzano, degrado in centro

Il CGC scrive al Commissario Passerotti
Redazione IMN

Tutti invitati al Quinto meeting Città di Avezzano intitolato a Cecchino Di Matteo: attesi circa 300 atleti

Redazione IMN

Cantine aperte alle “Ruette in Festa” di Trasacco

Tutto pronto per l’evento enogastronomico dell’estate
Redazione IMN