INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Covid, in Italia indice Rt scende a 1,1

Indice Rt a 1,1 contro 1,27 di settimana scorsa. 18 Regioni a rischio moderato

Indice Rt ancora in calo in Italia, secondo quanto emerge oggi dalla bozza del monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute sull’andamento dell’epidemia Covid. L’indice Rt scende infatti a 1,1 mentre la scorsa settimana si attestata a quota 1,27. “Nel periodo 28 luglio-10 agosto, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,1 (range 1,00– 1,27) – si legge – in diminuzione rispetto alla settimana precedente ma al di sopra della soglia epidemica”, viene precisato.

Italia tutta bianca. Non ci sarebbe, infatti, un cambio di colore per la Sicilia da bianco a giallo in base ai dati del monitoraggio settimanale ora all’esame della cabina di regia. Secondo quanto si apprende i parametri sarebbero ancora dentro le soglie.

Sono 18 le Regioni/PA classificate a rischio moderato. Le restanti 3 Regioni (Lombardia, Veneto e Lazio) risultano classificate a rischio basso, secondo i dati contenuti nella bozza del monitoraggio Iss-Ministero della Salute all’esame oggi della Cabina di regia. Inoltre nessuna Regione/PA supera la soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva o area medica” ma i tassi salgono: in intensiva aumento al 4,9% (rilevazione giornaliera ministero), da 322 ricoverati (10 agosto) a 423 (17 agosto), in aree mediche a 6,2% (da 2.880 a 3.472); in 12 Regioni/PA allerte di resilienza. Nessuna con molteplici allerte.

Resta sostanzialmente stabile l’incidenza dei contagi per 100 mila abitanti in Italia. Questa settimana – secondo i dati del monitoraggio Iss-Ministero della Salute all’esame oggi della cabina di regia – l’incidenza è a 74 casi ogni 100 mila abitanti nella settimana 13-19 agosto aggiornato a ieri contro 73 della settimana precedente e 68 di quella ancora antecedente.

“La circolazione della variante Delta è ormai largamente prevalente in Italia. Questa variante è dominante nell’Unione Europea ed è associata ad un aumento nel numero di nuovi casi di infezione anche in altri paesi con alta copertura vaccinale”. Secondo la bozza del monitoraggio Iss-ministero della Salute “una più elevata copertura vaccinale e il completamento dei cicli di vaccinazione rappresentano gli strumenti principali per prevenire ulteriori recrudescenze di episodi di aumentata circolazione del virus sostenuta da varianti emergenti con maggiore trasmissibilità”. Opportuno, dunque, “realizzare un capillare tracciamento e contenimento dei casi, mantenere elevata l’attenzione ed applicare e rispettare misure e comportamenti per limitare l’ulteriore aumento della circolazione virale”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

VIDEO. Scurcola Marsicana agguerrita con le fototrappole: lotta dichiarata agli incivili, a breve isole ecologiche

Gioia Chiostri

“Furbetti del bonus”: partiti vogliono i nomi

Pressing sull'Inps per sciogliere la privacy
Redazione IMN

Coltivazione canapa, il sostegno di Confagricoltura Abruzzo

Lobene: patrocinio convinto all’iniziativa di Green Valley
Redazione IMN