INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS PRIMA PAGINA SLIDE TV

Covid, allo studio riduzione della quarantena

Si valuta mini quarantena per chi ha ricevuto la terza dose, Cts convocato domani

Quarantena Covid, si valuta di ridurre i tempi. Le regole attuali prevedono una durata che va dai 7 ai 10 giorni (a seconda dello stato vaccinale) anche per quei soggetti che hanno ricevuto la terza dose: l’ipotesi in campo è quella di ridurla per chi ha fatto la booster. Dopo le parole del generale Figliuolo nella mattinata di ieri, il quale ha ammesso che le regole sulla quarantena Covid sono oggetto di una riflessione, il governo ha convocato sul tema il Comitato tecnico scientifico (Cts) per domani, mercoledì 29 dicembre.

Ora come ora i contatti stretti di un caso confermato, dopo aver allertato il proprio medico, possono rientrare in comunità dopo un periodo di quarantena della durata di almeno 7 o 10 giorni (a seconda dello stato vaccinale) dall’ultima esposizione al caso, al termine del quale risulti eseguito un test antigenico o molecolare con risultato negativo. Al termine del periodo di quarantena la persona potrà rientrare al lavoro e il periodo di assenza potrà essere coperto dal certificato medico. Al rientro la persona dovrà contattare il medico competente della sua azienda per ulteriori informazioni.

Per ‘contatto stretto’ (esposizione ad alto rischio) di un caso probabile o confermato si intende una persona che vive nella stessa casa di un caso Covid; una persona che ha avuto un contatto fisico diretto con un caso Covid; una persona che ha avuto un contatto diretto non protetto con le secrezioni di un caso covid (ad esempio toccare a mani nude fazzoletti di carta usati); una persona che ha avuto un contatto diretto (faccia a faccia) con un caso, a distanza minore di 2 metri e di almeno 15 minuti; una persona che si è trovata in un ambiente chiuso (ad esempio aula, sala riunioni, sala d’attesa dell’ospedale) con un caso in assenza di protezione (mascherine) idonei; un operatore sanitario o altra persona che fornisce assistenza diretta a un positivo oppure personale di laboratorio addetto alla manipolazione di campioni di un caso Covid senza l’impiego dei DPI raccomandati o mediante l’utilizzo di DPI non idonei; una persona che ha viaggiato seduta in treno, aereo o qualsiasi altro mezzo di trasporto entro due posti in qualsiasi direzione rispetto a un caso covid; sono contatti stretti anche i compagni di viaggio e il personale addetto alla sezione dell’aereo/treno dove il caso indice era seduto.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Frode alla Ue da 6,3 milioni, sgominata organizzazione

Operazione Gdf e Polstrada Pescara, 60 denunciati, due arresti
Redazione IMN

AstraZeneca: in Abruzzo lotto sospeso in Piemonte non c’è

Dipartimento Sanità, campagna va avanti secondo indicazioni
Redazione IMN

VIDEO. Pronto Soccorso, Tordera incontra il personale: «Presto un medico ad Avezzano»

Redazione IMN