INFO MEDIA NEWS
Cronaca NEWS SLIDE TV

Convitto L’Aquila: Biondi, “ok deroga, ma obiettivo sede idonea”

Il sindaco dell'Aquila in una nota accoglie con favore la deroga concessa al Convitto nazionale Domenico Cotugno che consente di affrontare l’anno scolastico ormai alle porte.

“Accolgo con favore la deroga concessa al Convitto nazionale Domenico Cotugno che consente di affrontare l’anno scolastico ormai alle porte. Un obiettivo per il quale il ringraziamento va al direttore dell’Ufficio scolastico regionale, Antonella Tozza. Ritengo, però, che il vero obiettivo sia quello di dotare una istituzione così prestigiosa della nostra città di una sede idonea in attesa che venga ricostruita quella in centro storico”.

Lo dichiara il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi.

Non è a colpi di deroghe, infatti, che è ipotizzabile la prosecuzione di una storia gloriosa come quella del Convitto. Una prima eccezione fu fatta lo scorso anno, dopo i colloqui che ho avuto con l’ex ministro per l’Istruzione, Marco Bussetti. Quest’anno è stata concessa una nuova dispensa ma è necessario garantire locali idonei a personale, docenti e studenti: ho già avviato un’interlocuzione con Provincia e Ufficio scolastico regionale per individuare una soluzione compatibile con le esigenze, anche alla luce dell’emergenza coronavirus”.

“Infine, ricordo all’onorevole Stefania Pezzopane, che non urliamo contro il governo: abbiamo chiesto, da tempo, un incontro per essere ascoltati. Un anno fa non fu necessario gridare, ma bastò la disponibilità del ministro e del direttore generale del Miur, Giovanna Boda, che grazie a un trasferimento straordinario hanno salvato il Convitto”.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Avezzano Calcio: sospesi allenamenti collettivi

Per la scuola calcio e il settore giovanile, in assenza di casi di giocatori e maestranze positive, ...
Redazione IMN

Carica di Babbi Natale in vespa ad Avezzano

Il 22 dicembre consegneranno caramelle in Piazza Risorgimento
Redazione IMN

Avezzano: i dissidenti della giunta De Angelis

Troppi assenti nell’ultimo consiglio
Redazione IMN