INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS

Contraffazione: Abruzzo all’11esimo posto in classifica nazionale

2 milioni e mezzo di euro è il valore stimato dei beni contraffatti sequestrati in Abruzzo durante il 2017 secondo la Banca Dati Iperico (Intellectual Property Elaborated Report of the Investigation on Counterfeiting), il database integrato sull’attività di contrasto alla contraffazione istituito presso l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi del Ministero dello Sviluppo Economico. Il valore dei sequestri effettuati in Abruzzo è pari a 2,5 milioni di euro e costituisce lo 0,9% di quelli effettuati sul territorio nazionale (294,5 milioni di euro), ponendolo all’11esimo posto nella classifica delle regioni italiane che è guidata dalla Campania, dove sono stati sfiorati 109 milioni di euro (37,0% del totale nazionale), seguita da Lazio (72 milioni corrispondenti al 25%) e Lombardia (36 milioni cioè il 12,4%).

 

 

Rispetto al 2008, primo anno per il quale sono disponibili tali dati, il valore dei sequestri effettuati in Abruzzo è diminuito del 18,5%, meno di quanto accaduto in Italia (-46,1%) nella quale hanno contribuito gli andamenti in calo di tutte le regioni ad eccezione dei soli Piemonte (+245,1%) e Umbria (+36,1%). Nel corso del periodo analizzato emergono per l’Abruzzo gli anni 2011-12-13 che hanno visto un notevole aumento dei valori sequestrati relativi soprattutto a giochi e giocattoli e altre merci, categoria nella quale confluiscono oggetti e accessori di arredamento, prodotti in ceramica, ricambi auto, prodotti di cartotecnica, fuochi artificiali, macchinari diversi, articoli di ferramenta e utensileria. Se si sommano i valori sequestrati annualmente dal 2008 al 2017, il totale abruzzese sfiora gli 83 milioni di euro e arriva a rappresentare l’1,6% del totale italiano (5,3 miliardi di euro) ai quali contribuiscono principalmente Lazio (1.463 milioni pari al 27,7%), Campania (907 milioni cioè il 17,2%) e Lombardia (875 milioni corrispondenti al 16,6%).

 

 

Distinguendo le diverse categorie merceologiche si osserva che, ad esclusione di alimentari e bevande, tabacchi e medicinali non considerati dalla banca dati Iperico, la quota maggiore dei valori sequestrati in Abruzzo nel 2017 è costituita da apparecchiature elettriche (38,9%) seguita da giocattoli e giochi (22,8%) con percentuali superiori a quelle italiane (rispettivamente 8,5% e 16,0%), abbigliamento (20,6%) e accessori di abbigliamento (10,1%) con percentuali inferiori a quelle nazionali (rispettivamente 37,8% e 27,8%). (fonte: CRESA, Centro Regionale di Studi e Ricerche Economico Sociali
istituito dalle Camere di Commercio d’Abruzzo).

 

 

Fonte: Asipress

 

Foto di: primocanale.it

Altre notizie che potrebbero interessarti

‘Fai gli scongiuri e vai allo stadio’: L’Aquila Calcio contro la ‘iella’

Alice Pagliaroli

Rigopiano: stazionarie le condizioni di Matrone, ancora 9 salme in obitorio a Pescara

Redazione IMN

VIDEO. L’App Passaborgo ‘invita’ a Civitella Roveto: il biglietto da visita sarà un video promozionale

Kristin Santucci