INFO MEDIA NEWS
Attualità NEWS SLIDE TV

Collelongo: taglio Sant’Elia, il Comune precisa

Il sindaco: "Il taglio colturale proposto ha carattere principalmente fitosanitario. Sono state pubblicate foto dei prati di Sant’Elia allo stato attuale accostate a foto prese dal web di come diventerebbe la zona dopo il taglio, secondo interpretazioni fantasiose e personali".

“In merito a recenti polemiche sugli interventi di taglio colturale progettati nell’area di Sant’Elia e nello specifico sulla particella numero 18 si premette anzitutto che gli stessi sono stati attentamente valutati da tecnici progettisti incaricati. La superficie totale della particella 18 è 8,65 ettari e la frazione di particella coinvolta è di 4,30 ettari. L’area non viene interessata da interventi dalla fine degli anni 70’“. Questa è la nota del sindaco del Comune di Collelongo, Rosanna Salucci, alla luce delle ultime polemiche sollevate.

“In seguito a valutazioni tecniche tale area di intervento è stata estrapolata dalla restante parte già in fase di progetto con lo scopo di minimizzare l’impatto dal punto di vista paesaggistico-ricreativo. Il taglio colturale proposto ha carattere principalmente fitosanitario, con diradamento dal basso di esemplari prevalentemente sottomessi, e diradamento di alcune ceppaie ancora presenti. Contestualmente, sono state rilasciate tutte le aree a ridosso dei prati caratterizzate da grandi ceppaie di elevato valore paesaggistico. Sono già state categoricamente escluse tutte le piante a portamento maestoso e di grandi dimensioni”, afferma Salucci nella nota.

“L’intervento proposto sulla particella in questione ha come obbiettivo quello di eliminare eventuali piante pericolose, creare una struttura del bosco con una migliore fruibilità e contestualmente aumentare la resilienza di tale soprassuolo, al fine di garantire alle future generazioni di usufruire del bene. In fase di sopralluogo è già stato concordato fra tecnici progettisti, funzionari regionali e Carabinieri Forestali che gli interventi colturali in tale area, saranno realizzati a seguito del periodo di affluenza turistica, quindi dal mese di settembre in poi. Si è creato un inutile allarmismo senza conoscere i fatti, senza aver preso visione degli atti o atteso risposte ufficiali dall’Amministrazione. Sono state pubblicate foto dei prati di Sant’Elia allo stato attuale accostate a foto prese dal web di come diventerebbe la zona dopo il taglio, secondo interpretazioni fantasiose e personali, con affermazioni calunniose a carico dell’Ente che rappresento e dei professionisti incaricati di redigere il progetto”.

“Pur difendendo sempre la libertà di espressione, per evitare in futuro di cadere di nuovo in un procurato allarme o arrecare un danno di immagine e/o economico all’Ente o ai professionisti, si invita prima di scrivere ad accertarsi dei fatti attraverso fonti e documenti ufficiali”, questa la conclusione.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Recovery: nasce think tank esperti

"HAMU" (Hub Abruzzo, Marche Umbria) asse scienza-imprese con industriali, atenei e fondazioni
Redazione IMN

Depurazione acque, SOS WWF Abruzzo Montano: «Situazione drammatica, effetti nocivi sui canali del Fucino»

Redazione IMN

Avezzano, le associazioni scendono in campo per ripulire il Castello Orsini

Appuntamento con “Una Giornata al Castello” per domenica 29 settembre
Redazione IMN