INFO MEDIA NEWS
NEWS Politica

Civitella Roveto, le tre priorità del sindaco De Filippis sono: scuola, viabilità e dissesto idrogeologico

Tutte le promesse che vengono effettuate nascondono, al loro interno, un asso nella manica a doppio taglio da giocare: esso si chiama realtà dei fatti. Il Comune di Civitella Roveto, inaugurata la nuova amministrazione comunale nel mese di giugno scorso, guidata dal sindaco Sandro De Filippis, è passato già sotto il tetto di tre priorità che il primo cittadino ha tenuto a precisare nell’intervista raccolta durante il primo insediamento del Consiglio comunale, avvenuto il giorno 22 giugno 2016. La Politica locale, quindi, ascoltata, ha scelto, in merito alla questione posta delle tre priorità da affrontare immediatamente, tre punti fermi, ossia viabilità, dissesto idrogeologico ed edifici scolastici. Nessuna tergiversazione, quindi, per un sindaco mite come Sandro De Filippis, il quale, tra l’altro, nella vita quotidiana di tutti i giorni, svolge la famosa attività in bilico fra la vita migliorata e la vita peggiorata, quale quella del medico. Il primo cittadino, già in passato, ha ricoperto questo ruolo di apice della piramide amministrativa.

 

Perché proprio questi tre punti? «Sicuramente, – ha affermato De Filippis – la viabilità è un tasto rosso che occorre premere, per quel che ci riguarda. Civitella Roveto ha una frazione, quale Meta, posta a 1000 metri di altezza, che la fa considerare come il centro abitato più alto della Valle Roveto ed anche, però, di converso, il più abitato. È necessario, quindi, che i cittadini di Meta abbiamo almeno una strada percorribile in maniera efficace per spostarsi avanti e indietro dal paese alle città, o quantomeno, per tornare a casa, soprattutto in inverno. Questo risulta essere un fatto del tutto urgente, a cui dover porre rimedio il prima possibile, – afferma il sindaco – per evitare che il centro rovetano si spopoli definitivamente. Meta ha molto fascino e possibilità: è importante che la comunità resti dove è adesso, ma da parte nostra, ovviamente, occorre preparare ed approntare tutte le condizioni fisiche e materiali affinché ciò sia possibile e plausibile. La mancanza di opera umana, di fatti, genera solo selvatichezza», ha aggiunto.

 

Secondo punto in programma è quello relativo al dissesto idrogeologico: «Il territorio è, a mio avviso, – ha avvertito De Filippis – una vetrina di presentazione per il turismo e per il mondo esterno in generale. Un Comune in cui persistano frane, non è bello da vedere, né tantomeno da vivere efficacemente e senza preoccupazioni. È importante, quindi, attenzionare Civitella Roveto in merito a questo punto fondamentale». Terzo dettaglio, infine, da non dimenticare e di non proprio facile assorbimento per quel che concerne i piani di un’amministrazione comunale, è quello che riguarda l’edilizia scolastica locale, punto chiave a cui la squadra del primo cittadino, eletto nel mese di giungo, darà seguito nei prossimi mesi di governo.

 

«Un amministratore che non dà importanza alle scuole, – ha detto a chiusura dell’intervista – è un amministratore che non è degno di ricoprire questa carica e di governare una comunità che ha riposto in lui le sue speranze più ambiziose. C’è da sottoscrivere, però, un piccolo preambolo: l’edilizia scolastica non dovrebbe mai essere un’emergenza, tutt’al più, dovrebbe essere una priorità. Le prime due argomentazioni che ho citato poc’anzi, risultano essere emergenze che vanno sanificate subito, mentre l’ultima è un’esigenza migliorativa». Il gioco delle tre carte, in questo caso, sembrerebbe, quindi, essere fatto di oculatezza, parsimonia e grande tenacia puntata dritta verso il futuro.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Celano, Santi Martiri: servizio di navette gratuite per cittadini e turisti

Redazione IMN

Ricostruzione: «Ancora zero certezze per i lavoratori», richiesto tavolo dai sindacati

Redazione IMN

Civitella Roveto piange la scomparsa del ventenne Emiliano De Blasis

Redazione IMN